Un guscio bianconero per il nuovo stadio del PAOK

Il progetto per il nuovo fortino del club di Salonicco, che sostituirebbe lo storico stadio Toumba.

Anche la Grecia sta recentemente provando ad allinearsi alle richieste del calcio contemporaneo, con progetti e pianificazioni interessanti in particolare ad Atene (AEK e Panathinaikos), e ora con il concept del nuovo stadio del PAOK Salonicco.

Firmato da A&S Architects, studio d’architettura ateniese, il nuovo impianto per il club bianconero andrebbe a sostituire lo storico Stadio Toumba, ma ci sono ancora alcuni passaggi burocratici fondamentali da superare nel corso del 2021.

paok stadio toumba
Una panoramica interna dello Stadio Toumba di Salonicco, casa del PAOK (Photo by Naomi Baker/Getty Images)

L’idea di un nuovo stadio è centrale nelle previsioni del PAOK, ma è strettamente legata alla possibilità di realizzarlo sul luogo dell’attuale impianto, per la cui demolizione serve un decreto ad hoc che dia il via libera all’operazione, mettendo in moto tutto l’iter di progetto.

Nuovo stadio del PAOK, le tempistiche dipendono dalla burocrazia

La demolizione dello storico Toumba, infatti, passa dal permesso presidenziale, via decreto, che sarebbe inserito in un Piano Speciale di Sviluppo Territoriale atteso entro l’estate 2021. Solo allora si potrebbe procedere all’intervento edilizio, che trasformerebbe l’area dell’attuale impianto. Se tutto andasse per il meglio, con ulteriori sei mesi per il Progetto Definitivo, la costruzione del nuovo stadio inizierebbe nel 2022 e verrebbe portata a termine entro tre anni.

In realtà, il PAOK deve lavorare anche sul fronte sportivo visto che, fra demolizione e costruzione del nuovo impianto, sarebbe costretto a giocare almeno due stagioni altrove, con lo Stádio Kaftanzóglio (casa dei rivali dell’Iraklis) individuato come prima scelta. Il dialogo con il club biancazzurro è tutto da definire ed è un altro punto sul quale dovrà sbloccarsi l’intera operazione.

paok nuovo stadio a&s architects vista esterna
Vista esterna del nuovo stadio del PAOK (photo by A&S Architects)

Se lo scenario migliore vedrebbe il PAOK giocare nel suo nuovo stadio nel 2025, l’ipotesi peggiore potrebbe rivelarsi con bocciature o richieste di modifica al progetto da parte della municipalità locale o ancora, con la scoperta di manufatti di interesse archeologico sotto le fondamenta del Toumba, con il conseguente blocco del cantiere.

Nuovo stadio del PAOK, un progetto da 140 milioni di euro

Il progetto del nuovo stadio del PAOK è già stato approvato dalla Commissione Ambientale per il suo positivo impatto ed ecosostenibilità, e anche il Comitato Metropolitano ha dato l’ok nel corso delle consultazioni pubbliche, soprattutto per il discorso di riqualificazione urbana che l’impianto porterebbe con sé. Il nuovo stadio sarebbe un elemento rivitalizzante per l’intero quartiere Toumba, e includerebbe nella sua struttura vari spazi commerciali e aggregativi che permetterebbero alla popolazione e ai tifosi di sfruttarlo anche al di là del singolo evento sportivo.

Il costo complessivo del progetto si stima intorno ai 140 milioni di euro, che verrebbero coperti in parte da fondi regionali UE, e in parte da finanziamenti con prestiti bancari, oltre alla percentuale maggiore che sarebbe a carico della stessa famiglia Savvidis, proprietaria del PAOK.

paok nuovo stadio a&s architects concept
Evoluzione del concept per la copertura del nuovo stadio del PAOK (photo by A&S Architects)

Il nuovo stadio del PAOK avrà una capienza di 33.500 posti e sarà avvolto da un guscio con strati leggermente sovrapposti fra loro in sequenza, a simulare le piume delle ali di un’aquila, il simbolo del club. I colori dominanti saranno ovviamente il bianco e il nero, e la facciata sarà a doppio strato, in parte semi-trasparente, con un effetto tridimensionale. L’installazione di pannelli fotovoltaici garantirà l’auto-sostenibilità energetica dell’impianto.

Quattro principali punti d’accesso, con ampie scalinate monumentali, circonderanno lo stadio che internamente si svilupperà su tre piani fuori terra ognuno in corrispondenza di un livello di gradinata. All’interno dello stadio troveranno posto caffetterie, ristoranti e il museo del club (e forse anche un cinema).

paok nuovo stadio a&s architects vista interna box
Vista interna di progetto da un box, nel nuovo stadio del PAOK (photo by A&S Architects)
paok nuovo stadio a&s architects vista aerea
Vista aerea del nuovo stadio del PAOK (photo by A&S Architects)
paok nuovo stadio a&s architects progetto
Tavola complessiva di progetto del nuovo stadio del PAOK (photo by A&S Architects)

Lo stadio Toumba è l’impianto di casa del PAOK fin dalla sua inaugurazione, nel 1959. Ha una capienza di poco superiore ai 28mila posti ed era stato progettato dall’architetto Minas Trempelas. Negli anni è stato ampliato tre volte, con altrettanti interventi di ammodernamento, in particolare successivi all’anno 2000.

Cover image: Vista aerea esterna di progetto del nuovo stadio del PAOK (photo by A&S Architects)

© Riproduzione Riservata
Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva e divulgazione culturale, fondata a gennaio 2015.