Il Liverpool ha in programma un nuovo ampliamento di Anfield

È pronto il progetto per raddoppiare la gradinata nord, la Anfield Road Stand.

Per migliorare uno stadio basta essere in grado di trasformarlo. E se il caso è quello di Anfield, allora possiamo dire che il Liverpool sta portando avanti un progetto davvero eccezionale. Il club inglese, infatti, ha definito la proposta di ampliamento della Anfield Road Stand, la gradinata dietro la porta sul lato nord dello stadio.

Dopo l’intervento sulla tribuna Main Stand, realizzato fra il 2015 e il 2016, sta finalmente entrando nel vivo il progetto rivolto al settore più piccolo dello stadio. Il club ha già affrontato le due fasi di consultazione con il pubblico fra il 2019 e il 2020 (di cui vi avevamo anticipato su Archistadia, qui), e ha ottenuto l’approvazione del Liverpool City Council a giugno 2021, ufficializzando l’avvio dell’iter costruttivo con l’inizio della stagione di Premier League 2021/22.

liverpool render proposta ampliamento tribuna vista esterna
Render con vista esterna dalla strada della tribuna Anfield Road Stand ampliata (photo by Liverpool FC)

Inizialmente, il Liverpool pensava di ampliare la gradinata con 4.800 posti in più, ma l’intervento ora porterà a un raddoppio della struttura che aggiungerà 7mila posti al totale, facendo aumentare la capienza della Anfield Road Stand a 16mila posti. Lo stadio supererà così i 61mila posti complessivi.

Il gruppo americano Fenway Sports, proprietario del club inglese (oltre ai Boston Red Sox di baseball), ha già investito 110 milioni di sterline nell’ampliamento della Main Stand, che saliranno a 200 milioni di sterline in totale con il progetto per la tribuna Anfield Road, valutato da solo circa 60 milioni (a cui vanno aggiunti anche i 50 milioni per il nuovo centro d’allenamento AXA Training Centre, nella località di Kirby, inaugurato nel mese di ottobre).

La nuova Anfield Road Stand avrà una struttura esterna gemella rispetto alla Main Stand, alla quale si collega sull’angolo nord dello stadio, e andrà a coprire l’attuale area del piccolo parcheggio esterno lungo la via privata Anfield Road, che separa lo stadio da Stanley Park. Per realizzare questo progetto, il club avrà necessità di operare per almeno due estati consecutive senza eventi allo stadio (le tempistiche ipotizzate sono di 18 mesi di cantiere), e la previsione è di poter completare i lavori entro l’inizio della stagione 2023/24.

Com’era e come sarà la Anfield Road Stand, in due foto.

liverpool anfield road stand
L’attuale tribuna Anfield Road Stand (Photo by Clive Brunskill/Getty Images)
liverpool anfield road stand ampliamento
Render con vista interna sulla Anfield Road Stand ampliata (photo by Liverpool FC)

Per l’ampliamento della Anfield Road Stand, il Liverpool lavorerà con l’appaltatore Buckingham Group Contracting Ltd, che si occuperà in prima persona che di coinvolgere la comunità locale nella scoperta dei lavori insieme a Red Neighbours, l’ente del club che si occupa di iniziative e attività rivolte alle famiglie, alle scuole e ai residenti.

La nuova gradinata porterà a un aumento di circa 400 nuovi dipendenti coinvolti nei giorni di gara, che si aggiungeranno alle 2.200 che già lavorano nei “matchday” del Liverpool. Una volta rinnovata, la Anfield Road Stand avrà un profilo univoco rispetto al resto dello stadio (già ampliato in precedenza) e sarà dotato di nuovi spazi interni e bar lounge, molto più fruibili e funzionali da tutti i tifosi. Il settore Family Park verrà spostato in una zona completamente al coperto, e all’esterno verranno rimodulati i percorsi pedonali che guardano verso Stanley Park.

Ascolta la nostra playlist dedicata alla città di Liverpool (se non visualizzi il player qui sotto, clicca qui per ascoltarla direttamente su Spotify)

© Riproduzione Riservata
Written by

Fondatore e curatore dei contenuti di Archistadia, scrive di architettura sportiva ed è un fotografo. Laureato in Architettura e Restauro, da oltre dieci anni si occupa di divulgazione sui temi tecnici ed estetici collegati a stadi e impianti sportivi. Collabora con le riviste l'Ultimo Uomo e il Giornale dell'Architettura. Cresciuto con la musica Britpop, il calcio inglese e la cultura anni Novanta.