La visione ecosostenibile di Parigi 2024

I punti chiave per un’organizzazione ecosostenibile delle Olimpiadi di Parigi 2024.

La città di Parigi ha recentemente selezionato un consorzio guidato dalla società di ingegneria edile Bouygues Bâtiment Île-de-France per guidare la progettazione, la costruzione e la gestione della Porte de la Chapelle Arena, la struttura sportiva che ospiterà badminton, para-taekwondo e para-badminton ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Parigi 2024.

La decisione è molto interessante perché punta con forza sul tema della sostenibilità dei Giochi, un approccio che il Comitato Organizzatore parigino ha tenuto in considerazione fin da subito. Le Olimpiadi si svolgeranno dal 26 luglio all’11 agosto 2024 e saranno l’evento sportivo più grande e complesso mai organizzato dalla Francia (che pure, negli ultimi trent’anni ha ospitato un Mondiale di calcio nel 1998, un Europeo di calcio nel 2016, e due Mondiali di rugby, 2007 e 2019).

olimpiadi parigi 2024 chapelle arena vista esterna
Render complessivo della Porte de Chapelle Arena (img by Paris 2024 / SCAU / NP2F)

La scelta di un consorzio globale per la realizzazione dell’Arena Porte de la Chapelle risale a una pianificazione messa in atto nel corso del 2020, e coinvolge anche i noti studi d’architettura SCAU (per esempio già firmatari del nuovo stadio Vélodrome di Marsiglia) e NP2F.

Parigi 2024 ecosostenibile, l’esempio della Porte de Chapelle Arena.

L’Arena Porte de la Chapelle avrà una capienza di 8mila posti e comprenderà anche due palestre, oltre a spazi adiacenti dedicati alle attività per il tempo libero della cittadinanza. Di fatto sarà un luogo ad uso sportivo misto, e rinnoverà completamente l’attuale area che comprende il Centre Sportif de la Porte de la Chapelle e lo Stadium and Gymnasium Fillettes. Una volta inaugurata, ospiterà eventi sportivi ufficiali anche internazionali, sarà collegata alle attività del Paris Basketball e potrà essere sfruttata anche per concerti ed eventi extra-sportivi.

Leggi anche: Via libera ufficiale allo stadio in legno del Forest Green

I lavori di costruzione dovrebbero iniziare già a giugno 2021 e completarsi entro l’estate 2023. Gli aspetti più importanti del progetto convergono sul risparmio energetico della struttura e sulla facilità della manutenzione, che a lungo termine avrà un grande impatto di sostenibilità sulla vita dell’edificio.

Gli aspetti architettonici dell’opera:

  • un basamento inferiore in gran parte vetrato si aprirà sul quartiere circostante e ospiterà spazi pubblici e una sala principale di ricevimento
  • l’arena sarà conclusa da una terrazza verde, posizionata a 11,50 m di altezza da terra, ricca di vegetazione e comprendente quasi 3mila mq di aree relax all’aperto con vista panoramica su Parigi (6mila mq di “tetto verde” e 1.700 mq di terrazza piantumata)
  • un coronamento strutturale in alluminio chiaro riciclabile darà un tratto stilistico riconoscibile, oltre a impiegare un materiale ecosostenibile
parigi 2024 olimpiadi logo
(img by Paris 2024)

Il terrazzamento verde si unirà a un’acustica interna di livello elevato, mentre le due palestre saranno realizzate con materiali di origine biologica, telai in legno al 100% e pavimenti misti legno-cemento per il 60% in legno. Per ridurre l’impatto dell’edificio nella produzione di anidride carbonica, inoltre, il 30% del calcestruzzo utilizzato per la struttura proverrà da settori a basse emissioni di carbonio (che riducono le emissioni di gas serra), mentre per le pareti saranno utilizzati materiali riciclati, in particolare con l’uso di mattoni di terra cruda compressa. Per la costruzione dell’intera opera saranno inoltre coinvolte realtà che operano già nell’ambito dell’economia sociale e solidale, e si sforzano di gestire le risorse in modo equo e sostenibile, creando modelli produttivi a basso impatto economico.

L’Arena ospiterà al suo interno un impianto di teleraffrescamento tramite lo sfruttamento dell’energia geotermica locale: questo impianto soddisferà tutte le esigenze di raffreddamento e riscaldamento del palazzetto, utilizzando il 100% di energia rinnovabile, e consumerà tre volte meno energia rispetto a un’arena convenzionale.

L’Arena Porte de la Chapelle, costruita in vista delle Olimpiadi di Parigi 2024, costerà 98 milioni di euro e sarà finanziata sia dalla città di Parigi che da Solideo, ente che gestisce lo sviluppo delle infrastrutture per i Giochi.

© Riproduzione Riservata
Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva e divulgazione culturale, fondata a gennaio 2015.

error: