Rivista online di architettura sportiva
 

Il nuovo Estadi Johan Cruyff di Barcellona

La nuova gemma della Ciutat Esportiva blaugrana.

Il nuovo Estadi Johan Cruyff è ormai realtà, con l’inaugurazione ufficiale del 27 agosto e una serie di eventi culminanti nell’amichevole fra le selezioni giovanili di Barcellona e Ajax. Lo stadio, progettato dallo studio Batlle i Roig Arquitectos, è stato realizzato in due anni e avrà una capienza di 6mila spettatori. Diventerà il cuore pulsante della Ciutat Esportiva Joan Gamper, il centro d’allenamento del Barcellona, ospitando in particolare tutte le partite ufficiali della Squadra B, della squadra femminile e della selezione giovanile per gli incontri di Youth League.

Sarà uno stadio di categoria UEFA 3 e certificato dalla LFP (la Lega Calcio spagnola) per ospitare le partite di Segunda Division spagnola. Lo sviluppo dell’impianto è a pianta rettangolare, con quattro tribune interamente coperte e collegate fra loro, su un anello continuo di gradinata con capienza di 5mila posti. A questi si aggiunge il secondo anello della tribuna centrale, grandstand, per ulteriori mille posti e una copertura a spiovente ispirata a uno dei primi campi da gioco del Barcellona, il Camp de la Indústria, utilizzato dai blaugrana fra il 1909 e il 1922.

estadi johan cruyff barcellona
(photo FC Barcelona)

Sul piano dei servizi al tifoso, lo stadio avrà anche 62 posti per disabili (con relativo accompagnatore) e offrirà 700 posti auto nei piazzali limitrofi. Ci saranno due postazioni media, separate fra loro negli ingressi e nelle zone di lavoro fra giornalisti e tv, e due tabelloni luminosi saranno installati sui due lati del campo. L’edificio sarà anche eco-sostenibile, con un’illuminazione LED, e tutti gli alberi sradicati per far spazio alla struttura verranno ripiantati nell’area circostante.

I seggiolini con seduta richiudibile saranno per la maggior parte di colore blu, a rappresentare i colori sociali del club in combinazione con il rosso della copertura. Sulla tribuna centrale opposta alla grandstand, una serie di seggiolini gialli replicheranno la scritta “Més que un Club” già presente al Camp Nou. Il terreno di gioco sarà ibrido, con un base naturale e fili d’erba sintetica intrecciati a rafforzare e ammorbidire l’intera superficie.

L’intitolazione dello stadio a Johan Cruyff, leggenda del Barça sia da giocatore che da allenatore, sarà completata con la presentazione ufficiale di una statua in onore del campione olandese all’esterno del Camp Nou, che avverrà il giorno prima dell’inaugurazione dell’Estadi, il 26 agosto. L’Estadi Johan Cruyff sostituisce il Mini Estadi, situato di fronte al Camp Nou e dal 1982 lo stadio delle giovanili del Barcellona. Il Mini Estadi sarà in futuro demolito per far posto a un’arena indoor.

© Riproduzione Riservata
Post Tags
Share Post
Written by

Fondatore e direttore di Archistadia. Sono un autore e critico di architettura sportiva, laureato in Architettura e Restauro al Politecnico di Torino, e mi occupo di stadi e impianti sportivi da oltre dieci anni. Sono cresciuto con la cultura britpop anni Novanta. E sono quello che in vacanza vi chiederà di andare a vedere lo stadio.

No comments

LEAVE A COMMENT