napoli stadio storia tetto ferro

Il grave errore del tetto dello stadio di Napoli

Breve genesi della copertura metallica che ha stravolto lo stadio di Napoli in modo irreparabile.

Quando si decise di aggiungere la copertura sullo Stadio San Paolo di Napoli, in vista dei Mondiali di Italia 90, nessuno pensava che si sarebbe rivelato un intervento devastante per l’immagine dell’impianto.

Il tetto era una soluzione all’epoca soprattutto funzionale (non rientrava in effetti nei requisiti FIFA per l’organizzazione di quei Mondiali) e il progetto iniziale prevedeva tutt’altro rispetto a ciò che avremmo visto successivamente.

napoli stadio lavori tetto mondiali italia 90
I lavori all’interno dello Stadio San Paolo di Napoli in vista dei Mondiali di Italia 90 (photo Caoduro Lucernari)

Per ideare una copertura completa sullo stadio di Napoli, allora chiamato ancora San Paolo, il concept firmato nel 1988 dall’arch. Fabrizio Cocchia, figlio di Carlo (progettista dello stadio originale, 1959), e dall’arch. Giuseppe Squillante, prevedeva una sorta di velario luminoso e molto leggero nell’aspetto, realizzato in policarbonato ma ancorato con semplicità tramite pochi elementi verticali metallici che scendevano verso il terreno, all’esterno dell’edificio-stadio.

In quei mesi di pianificazione pre-Italia 90 però gli interessi in gioco erano soprattutto influenzati dal bando dei lavori e dal prezzo del ferro al kg: il progetto di Cocchia-Squillante prevedeva l’utilizzo di 2 milioni di kg di ferro; la struttura che sarà poi realizzata finirà per utilizzarne 8,5…!

Il concept del 1988 venne bocciato e sullo stadio del Napoli si scelse di apporre una pesantissima e brutale gabbia metallica, firmata dall’ing. Luigi Corradi, issata su 33 pilastri reticolari esterni e con l’aspetto (purtroppo ingombrante) di un’impalcatura temporanea più che di un elemento in armonia con l’esistente. Costò da sola 15 miliardi di lire (all’interno di un intervento di restyling che ne doveva costare 12 e che invece superò complessivamente i 200) e finì per nascondere quasi del tutto il delicato catino originale dello stadio, trasformando l’aspetto dell’impianto in un accrocchio di reticoli ferrosi che avrebbero stravolto l’immagine dell’edificio per sempre.

napoli 1988 stadio tetto progetto originale modello
Modellino per il progetto originale della struttura del tetto, pensata da Cocchia e Squillante nel 1988 (photo via Angelo Forgione / blog personale)
napoli tetto italia 90 mondiali progetto scheda
Tavola di copertina delle schede di progetto per il tetto in ferro dello stadio di Napoli, in vista di Italia 90.

Oltre alla scellerata decisione della struttura per la copertura, la volontà di ampliare la capienza dell’impianto portò alla costruzione dell’ormai famigerato terzo anello, che si agganciava ai nuovi piloni esterni di ferro. Proprio per questo finì per non essere mai utilizzato, dato che creava una conseguenza statica deleteria propagando vibrazioni e instabilità verso l’intelaiatura complessiva e sull’intero edificio (oltre che alle case vicine, come se lo stadio funzionasse da cassa di risonanza).

Visita lo store di Archistadia su Amazon! Trovi tantissimi consigli di acquisto inerenti agli stadi, all’architettura e alla cultura del calcio e dello sport… come per esempio il libro “Che vi siete persi… Il primo scudetto del Napoli raccontato da due protagonisti”, di Salvatore Bagni e Bruno Giordano, che trovate qui.

napoli stadio tetto ferro vista esterna
Vista esterna dello stadio di Napoli e della struttura del tetto in ferro (Photo by Catherine Ivill/Getty Images via OneFootball)

Cover image: Vista della nuova copertura dello Stadio San Paolo di Napoli alla vigilia dei Mondiali di Italia 90 (photo Caoduro Lucernari)

© Riproduzione Riservata

Total
5
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero interessarti
Total
5
Share