Sportium: «La nostra è la visione italiana e milanese del nuovo San Siro»

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta dei responsabili di Progetto CMR / Sportium.

Cari amanti dello sport, cari colleghi progettisti, la ricostruzione dello Stadio San Siro offre un’occasione irripetibile non solo per consegnare alla città e alle sue squadre un impianto all’altezza degli omologhi di ultima generazione in tutto il mondo, ma anche di ridisegnare l’intero quartiere.

Il progetto del nuovo stadio non si limita a puntare alla realizzazione di una struttura sportiva bella ed efficiente ma si delinea come un vero e proprio processo di rigenerazione urbana, sostenibile, che coinvolge il quartiere San Siro e, con esso, l’intera città.

Sportium, società del gruppo Progetto CMR, con Manica Architecture, hanno avuto l’onore di essere selezionate come finaliste della gara indetta da Inter e Milan. Il progetto “Gli Anelli di Milano” (su Archistadia vi parliamo della proposta nel dettaglio, qui, ndr) è il simbolo dell’unione tra Inter e Milan, eterni rivali sul campo ma che hanno messo assieme le forze per conservare una delle tradizioni più amate della città. Da italiani, da milanesi, da sportivi e tecnici, abbiamo avuto l’occasione di lavorare a un’opera che racchiude la passione per la competizione, l’amore per la città, e che comprende i ricordi più belli come assidui frequentatori dello stadio sin dalla giovanissima età.

In questa opera abbiamo fatto valere la nostra cultura politecnica, l’italianità dell’approccio al progetto, attento alla storia della città, del quartiere, ai bisogni delle persone ma con uno sguardo sempre rivolto al futuro, a un’idea assolutamente nuova di edificio per lo sport che è sia una straordinaria macchina per l’intrattenimento sia un hub di integrazione sociale e di servizi per la collettività. Per il nuovo stadio abbiamo progettato un impianto tecnologicamente avanzato, con un elevato livello di sostenibilità e una particolare attenzione alla manutenzione agevole ed economica dell’infrastruttura per il futuro.

Leggi anche: «I nuovi stadi valorizzano e rigenerano parti di città», Archistadia incontra l’arch. Massimo Roj (Progetto CMR/Sportium)

nuovo-stadio-milano-progetto-cmr-sportium-manica
(photo by Progetto CMR / Sportium / Manica)
san siro sportium nuovo stadio milano-esterno
Render con vista esterna del nuovo stadio San Siro di Milano, nella proposta di Sportium / Progetto CMR (img by Sportium / Progetto CMR)

Abbiamo immaginato un nuovo modo di vivere lo Stadio che non si accenderà solo per le grandi occasioni ma che potrà trasformarsi anche quando non ospiterà le partite. Un impianto che nasce dal territorio e che emerge dal terreno, con un podio in pietra lombarda che cela i tornelli e gli elementi per la sicurezza, dal quale s’innalzano gli “anelli” con i volti di 16mila tifosi, incisi su pannelli metallici e sospesi su cavi d’acciaio. Saranno l’immagine della nuova facciata e doneranno, vibrando, vitalità al fronte dell’edificio anche quando gli ospiti non occuperanno i suoi spalti. Sarà una pelle permeabile che permetterà una ventilazione naturale dell’impianto minimizzando i consumi.

Le forme curvilinee dell’architettura del nuovo impianto e la continuità delle gradinate che abbracciano il campo da gioco, tramandando la gloriosa immagine dello Stadio di San Siro, la interpretano in una chiave inedita che rappresenta pienamente la vocazione di accoglienza della nostra città.

Un progetto avveniristico, ma con un profondo legame con il passato.

Gli Anelli di Milano costituiscono la visione italiana e milanese del nuovo Stadio che pensiamo interpreti l’essenza dello sport: abbracciare, aggregare, includere, unire, vivere. Per queste ragioni il desiderio di fare conoscere i valori che hanno dato forma al progetto ci ha suggerito di condividere la nostra proposta con tutti Voi.

Giovanni Giacobone, Christian Recalcati, Massimo Roj

Sportium – Progetto CMR

Dossier San Siro: Qui puoi trovare tutti i nostri articoli e approfondimenti su San Siro e sul progetto del nuovo stadio di Milano.

© Riproduzione Riservata
Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva e divulgazione culturale, fondata a gennaio 2015.