Lo splendore di Galleria Vittorio Emanuele sulla nuova maglia del Milan

Dettagli geometrici ispirati alla pavimentazione del “Salotto di Milano”.

Ispirata da Milano e dalla magnificenza della sua Galleria. Così il Milan ha annunciato la sua nuova maglia Home, disegnata da Puma, e presentata in vista della stagione 2020/2021. Un lavoro che si inserisce nella linea del brand tecnico tedesco denominata “Crafted from Culture”, e che sta proponendo dettagli storico-artistici legati alle città di appartenenza, e riproposti nei pattern delle maglie da gioco.

Anche per il Milan, quindi, come già per altri club europei di prima fascia di cui abbiamo approfondito i dettagli qui su Archistadia, Puma ha scelto qualcosa che rappresentasse Milano in modo iconico e stilistico allo stesso tempo, e la scelta è ricaduta sui motivi geometrici che compongono la pavimentazione di Galleria Vittorio Emanuele II, il cosiddetto “Salotto di Milano”.

galleria-vittorio-emanuele-milano-pavimentazione
La pavimentazione dell’ottagono centrale, nella Galleria Vittorio Emanuele II, a Milano.
maglia-milan-puma-2021-galleria
(photo by AC Milan / Puma)

Inaugurata nel 1867 (con i lavori che termineranno dieci anni dopo) su progetto dell’architetto e ingegnere Giuseppe Mengoni, la Galleria Vittorio Emanuele II ha nell’ottagono centrale il fulcro del suo sviluppo in pianta e della sua aulicità e spettacolarità strutturale.

La cupola vetrata centrale si posiziona a un’altezza di 47 metri da terra, ed è ideale termine del percorso visivo del visitatore posto sotto di essa, all’intersezione dei due bracci ortogonali: il maggiore, che collega Piazza Duomo a Piazza della Scala, è lungo 196 metri, mentre il minore, da via Foscolo a via Pellico, è lungo 105 metri (le volte a botte vetrate dei due bracci sono a un’altezza di 29 metri).

L’eccezionale uso della ghisa e del ferro battuto, nelle strutture di copertura, fa della Galleria uno dei massimi esempi europei di architettura del ferro, metodo costruttivo dirompente nella seconda metà dell’Ottocento e che rivoluzionò l’ingegneria dell’epoca. Costruita in stile neo-rinascimentale, la Galleria ha nel suo ottagono centrale, e nell’intreccio con forme circolari, l’estetica di rappresentanza più importante, che si delinea nella pavimentazione in marmo e mosaici, con lo stemma di Casa Savoia al centro.

Proprio queste geometrie, e il rapporto continuo fra le due forme, l’ottagono e il cerchio, sono stati scelti da Puma nella stilizzazione del pattern che fa da sfondo alla maglia Home del Milan 2020/21. Una trama ripetuta che dialoga con le strisce verticali rossonere della maglia, più larghe rispetto al recente passato, e che rimane sull’intero busto e sulla schiena, lasciando le maniche completamente nere.

maglia-milan-puma-2021-galleria
(photo by AC Milan / Puma)
galleria-vittorio-emanuele-milano
Veduta interna di Galleria Vittorio Emanuele II, a Milano (photo by MilanoGuida)

Cover image: visual by Archistadia

© Riproduzione Riservata
Share Post
Written by

Fondatore e direttore di Archistadia. Sono un autore e critico di architettura sportiva e mi occupo di divulgazione sul tema da oltre dieci anni. Laurea in Architettura e Restauro, cresciuto con la cultura Britpop anni Novanta, sono quello che in vacanza vi chiederà di andare a vedere lo stadio.

No comments

LEAVE A COMMENT