Rivista online di architettura sportiva
 

L’importanza di chiamarsi Jari

L’influenza di Litmanen su un’intera generazione di olandesi.

Quanto può essere forte la passione per il calcio nel rapporto con la vita delle persone? Intere nazioni in festa per la vittoria di un Campionato del Mondo, calciatori che diventano simboli talvolta anche sociali, e perfino politici, città la cui storia sociale è legata indissolubilmente alla tradizione su cui si fondano i club stessi.

Nel caso dell’Olanda, un dettaglio curioso, ma di grande forza evocativa, arriva da uno studio del Meertens Instituut, l’istituto di ricerca di lingue e culture olandesi con sede ad Amsterdam. E, in particolare, nel legame con il calcio e con l’Ajax: l’analisi della frequenza e della diffusione del nome “Jari”, tra i bambini maschi olandesi, rivela un’incredibile aumento nei numeri dopo il 1992, anno in cui il campione finlandese Jari Litmanen arrivò all’Ajax, diventando poi una delle leggende della storia del club.

Jari Litmanen nome Olanda
(stats by Meertens Instituut)

Litmanen, considerato il più grande calciatore della storia della Finlandia, sua nazione d’origine, approdò all’Ajax nel 1992, in arrivo dal club finnico MyPa. Con i Lancieri rimase sette stagioni (più una seconda esperienza fra il 2002 e il 2004), vincendo 4 campionati olandesi, 3 coppe nazionali, 4 supercoppe nazionali, 1 Champions League, 1 Supercoppa Europea e 1 Coppa Intercontinentale. Era parte della splendida squadra che annoverava Danny Blind, i gemelli De Boer, Frank Rijkaard, Marc Overmars, Clarence Seedorf, Patrick Kluivert, eccetera eccetera.

Secondo i dati raccolti dal Meertens Instituut, il nome Jari iniziò a essere scelto dai genitori olandesi per i propri figli, proprio a partire dal 1992, con un centinaio di casi nei primi tre anni. Poi, nel 1995, 185 nascituri vennero battezzati Jari, per proseguire da lì in poi, con 100/150 casi ogni anno fino a oggi.

Il nome Jari rimane, comunque, un nome finlandese e, più nello specifico, un diminutivo di Jalmari (che è il corrispettivo dell’olandese Hjalmar). Il primo Jari registrato in Finlandia risale al 1937, e il nome si diffuse poi grazie a un personaggio omonimo nei romanzi di Aino Räsänen, a metà anni Quaranta. In Olanda, invece, nonostante qualche caso sporadico nel corso del Secondo Dopoguerra, la sua diffusione è stata dovuta solo alla classe e alle gesta calcistiche di Jari Litmanen. Ancora oggi l’ex numero 10 dell’Ajax è la prima persona che viene in mente se si nomina “Jari” (forse anche in giro per l’Europa).

Un calciatore finlandese che ha ispirato un’intera generazione di olandesi.

Jari Litmanen nome Olanda
(photo by Clive Brunskill/Allsport via Getty Images)

© Riproduzione Riservata
Post Tags
Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva, fondata a gennaio 2015.

No comments

LEAVE A COMMENT