Rivista online di architettura sportiva
 

Wolverhampton, nuova gradinata “safe standing” e ampliamento del Molineux

Posti “rail seating” e un nuovo progetto di ampliamento per lo stadio.

Prosegue il percorso di crescita dentro e fuori dal campo per il Wolverhampton Wanderers, che ha concluso al settimo posto la Premier League 2018/2019 (arrivando da neopromossa) e ha successivamente messo in programma importanti lavori di ammodernamento dello stadio.

Il primo passo è rivolto direttamente ai tifosi, e riguarda la gradinata sud del Molineux, la Sir Jack Hayward Stand: in estate saranno installati i seggiolini Rail Seating in tutta la gradinata, dopo il parere favorevole del 97% dei tifosi che hanno risposto nelle scorse settimane a un sondaggio mirato effettuato dal club. Diventeranno operativi con l’inizio della stagione 2019/2020.

Molineux Wolverhampton posti reail seating safe standing
(Photo by Marc Atkins/Getty Images)

I posti Rail Seating (seduta reclinabile + barra frontale di sostegno) garantiscono massima sicurezza e libertà di scelta a chi vuole stare in piedi a lungo durante la partita, eliminando il rischio di cadute e infortuni accidentali provocati dai seggiolini fissi attuali. Il Wolverhampton diventa così il primo club di Premier League a installare questa tecnologia in uno stadio già esistente (di seguito al Tottenham che, però, l’ha fatto nel nuovo impianto).

Il dibattito sui cosiddetti “posti in piedi” è sempre più acceso in Inghilterra, e si stanno finalmente aprendo vie operative percorribili per tutti i club. La legislazione inglese obbliga tutti gli stadi delle prime due divisioni (Premier League e Championship) ad avere solo posti a sedere ma non ne definisce la specifica conformazione, né obbliga i tifosi a stare seduti per tutto il tempo durante la partita.

Questa zona d’ombra, infatti, è oggetto di un frequente malinteso nell’interpretazione della legge, confusa con le indicazioni presenti nel “Regolamento Stadi” specifico di ogni club. Sono infatti le singole società che impediscono il cosiddetto “persistent standing” (rimanere in piedi per un periodo di tempo prolungato) nei loro impianti e sono, quindi, le stesse società che possono allentare questo divieto introducendo soluzioni tecnologiche adeguate.

I posti Rail Seating sono un felice compromesso fra sicurezza e libertà di tifo e movimento per i tifosi e, allo stesso tempo, rientrano perfettamente nei limiti imposti dalla legislazione inglese, diventandone anzi un’evoluzione futuribile molto positiva.

Molineux Wolverhampton progetto ampliamento

Il nuovo Molineux da 40mila posti

Intanto il Wolverhampton guarda anche al futuro sul medio-lungo periodo e punta all’ampliamento dello stadio. L’attuale Molineux ha una capienza di 32.050 posti (dati stagione 2018/19) raggiunta con i lavori effettuati tra il 2009 e il 2011 che video la ricostruzione della curva nord (Stan Cullis Stand) e la ristrutturazione della tribuna est (Steve Bull Stand). L’obiettivo dichiarato dalla dirigenza è ora di ampliare lo stadio a 40mila posti, per andare incontro all’entusiasmo dei tifosi e correre in parallelo al processo di crescita del club.

Nel corso della stagione 2018/2019 i Wolves hanno fatto registrare una media di 31.030 spettatori a partita, 3mila in più rispetto alla stagione precedente culminata con la vittoria della Championship e la promozione diretta.

Il club ha anche 6mila tifosi in lista d’attesa per l’acquisto dell’abbonamento ed è ragionevole pensare che l’intervento strutturale sullo stadio sia un passo assolutamente sostenibile in prospettiva. Il progetto sarebbe di completare l’impianto, andando a riempire i tre angoli attualmente vuoti (due ai lati della gradinata sud e uno sul lato opposto) e chiudere lo stadio in una struttura completa.


I miei articoli, per saperne di più sull’argomento:

  • Posti in piedi nello stadio del Wolverhampton, FOX Sports
  • Safe Standing, i dettagli sulla tecnologia dei nuovi “posti in piedi”, Archistadia
  • Nuovo stadio Tottenham, prevista la gradinata Safe Standing, Archistadia
  • Il San Mamés sarà il primo stadio in Spagna con settore Safe Standing, Archistadia

Credits:

© Riproduzione Riservata
Written by

Fondatore e direttore di Archistadia. Sono un autore e critico di architettura sportiva, laureato in Architettura e Restauro al Politecnico di Torino, e mi occupo di stadi e impianti sportivi da oltre dieci anni. Sono cresciuto con la cultura britpop anni Novanta. E sono quello che in vacanza vi chiederà di andare a vedere lo stadio.

No comments

LEAVE A COMMENT