Al via i lavori per il nuovo Sydney Football Stadium

Costerà oltre 400 milioni di euro e sarà pronto per fine 2022.

La prima pietra era stata posata ad aprile, in linea con le tempistiche e nonostante l’emergenza prodotta dalla pandemia di Covid-19, e i lavori per la costruzione del nuovo stadio di Sydney stanno ora entrando nel vivo, con la costruzione del corpo portante in cemento armato. 40mila metri cubi di materiale saranno necessari per le fondamenta dello stadio, che sarà la rinnovata (e ricostruita) versione dell’originale Sydney Football Stadium, dedicato al calcio e al rugby della città australiana.

Situato a fianco al Sydney Cricket Ground, il nuovo football stadium è progettato dallo studio Cox Architecture e i lavori sono affidati all’impresa John Holland, che ha garantito i tempi di lavoro per rimanere fedeli all’obiettivo dell’inaugurazione per ottobre 2022.

sydney-nuovo-allianz-stadium
(photo by Cox Architects)

Il progetto del nuovo Sydney Football Stadium, noto anche come Allianz Stadium per ragioni di naming rights, fa parte di un riassetto urbano più complesso che la città di Sydney punta a sfruttare per rilanciare questo distretto sportivo. Di qui, infatti, anche la scelta maturata nel 2019 di tralasciare i piani di ristrutturazione dell’ANZ Stadium, lo stadio olimpico, per concentrarsi su una pianificazione virtuosa che possa anche creare nuove infrastrutture e posti di lavoro nell’area del Football Stadium e del Cricket Ground.

Il nuovo Sydney Football Stadium avrà una capienza complessiva di 45mila posti, suddivisi in una doppia configurazione: una parte inferiore da 30mila posti, sempre aperta al pubblico, e un livello superiore da 15mila posti aggiuntivi per calcio e rugby, schermabile all’occorrenza con pannelli dedicati.

Il costo complessivo di 735 milioni di dollari australiani (circa 440 milioni di euro) è risultato più alto delle previsioni, per ora, di circa 60 milioni di euro. Lo stadio sarà dotato di una copertura totale, ondulata e semi-trasparente, che seguirà il profilo delle gradinate, con le due tribune centrali più alte rispetto alle due curve. Costruito su 1500 piloni di fondazione, l’impianto si ergerà su un podio rialzato rispetto all’area circostante, e sarà rivestito da un pannello continuo in acciaio dall’effetto-veneziana.

sydney-nuovo-allianz-stadium
(photo by Cox Architects)

La configurazione ridotta a 30mila posti, con i teloni che dalla copertura scendono e coprono l’anello superiore.

La terza generazione del Sydney Football Stadium

L’originale Sydney Football Stadium è stato l’impianto di calcio e rugby principale della città, e in parte dell’Australia, fin dalla sua inaugurazione nel 1988. Progettato da Philip Cox (poi fondatore dello studio Cox Architecture, che ha firmato il nuovo progetto), Richardson & Taylor, aveva ospitato in particolare il rugby league (la variante a 13 del rugby) e le partite ufficiali di calcio del Sydney FC fra il 2005 e il 2018.

Il nuovo stadio rappresenta, in realtà, la terza ideale generazione dell’impianto sportivo della città. Su quello stesso terreno, infatti, sorgeva il vecchio Sydney Sports Ground (1911-1987), un impianto dedicato alle sfide di rugby league del club locale Eastern Suburb Roosters ma aperto anche alle corse motoristiche, grazie alla presenza di un ovale in terra battuta attorno al campo. Oggi, il luogo preciso su cui sorgeva il Sydney Sports Ground è da ricercare nell’area del parcheggio adiacente al nuovo stadio.

Cover image: photo by Cox Architects

© Riproduzione Riservata
Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva e divulgazione culturale, fondata a gennaio 2015.

No comments

LEAVE A COMMENT