Rivista online di architettura sportiva
 

Trieste, i lavori al Nereo Rocco in vista di Euro Under 21

Cosa cambia allo Stadio Nereo Rocco di Trieste in vista dell’Europeo Under 21 in estate.

Sono già partiti i lavori per ammodernare lo Stadio Nereo Rocco di Trieste, in vista dell’Europeo Under 21 che si svolgerà in Italia a giugno. Una delegazione UEFA ha visitato l’impianto della Triestina in questi ultimi giorni di marzo, con alcuni interventi già in opera visto che il club rosso-alabardato ha in calendario due partite consecutive in trasferta. Il Nereo Rocco è fra i sei stadi che ospiteranno le partite del torneo continentale di categoria e, in particolare, sarà coinvolto nelle gare del girone B. I lavori richiesti coinvolgono la porzione di bordocampo e la Tribuna Pasinati.

Tutte le recinzioni tra campo e gradinate verranno eliminate e le panchine saranno arretrate fino a inserirsi tra le prime file della Tribuna Pasinati. Sempre in questo settore, nella parte alta, è stata richiesta la realizzazione di una serie di palchi aggiuntivi da dedicare alle tv e alle emittenti che copriranno le dirette dell’Europeo.

Lo Stadio Nereo Rocco è stato inaugurato nel 1992 con una capienza di 32mila posti (attualmente scesi a 21mila dopo alcune modifiche strutturali). L’impianto ha subìto una serie di ammodernamenti ai servizi interni e alla seggiolatura, nel corso del 2018, per un totale di 6 milioni di euro.

stadio Nereo Rocco Trieste

L’Europeo Under 21 si svolgerà fra Italia e San Marino, dal 16 al 30 giugno 2019. La partita inaugurale sarà Polonia-Belgio, il 16 giugno al Mapei Stadium di Sassuolo. La finalissima si giocherà il 30 giugno alla Dacia Arena di Udine. A Trieste si giocheranno:

  • Serbia-Austria, 17 giugno 2019, ore 18:30
  • Germania-Serbia, 20 giugno, ore 21
  • Danimarca-Serbia, 23 giugno, ore 21

Credits:

© Riproduzione Riservata
Written by

Fondatore e direttore di Archistadia. Sono un autore e critico di architettura sportiva, laureato in Architettura e Restauro al Politecnico di Torino, e mi occupo di stadi e impianti sportivi da oltre dieci anni. Sono cresciuto con la cultura britpop anni Novanta. E sono quello che in vacanza vi chiederà di andare a vedere lo stadio.

No comments

LEAVE A COMMENT