L’erba del vicino è più verde? Forse a Tottenham sì

Un sistema d’avanguardia per l’illuminazione del campo da gioco.

Si dice che l’erba del vicino sia sempre più verde ma, di solito, è una questione di punti di vista. Nel caso del nuovo stadio del Tottenham, invece, potrebbe essere vero. L’impianto progettato da Populous e inaugurato nella primavera 2019, infatti, sfrutta una tecnologia mai utilizzata finora a livello mondiale, per garantire la crescita dell’erba del terreno di gioco.

Negli ultimi quindici anni, nella maggioranza degli stadi di calcio a livello professionistico, si è diffusa la tecnologia dei “tralicci illuminanti”: viene garantito un flusso di luce specifica (legato al processo di fotosintesi) sul campo, che assicura una crescita continua e uniforme dell’erba, a prescindere dalle condizioni meteo. Questi enormi rastrelli vengono di solito spostati a gruppi (manualmente, su ruote) in diverse aree del terreno di gioco, con tempistiche pianificate in precedenza.

tottenham-stadio-tecnologia
(photo by Tottenham Hotspur)

Il sistema di cui si è dotato il Tottenham è, invece, un passo in avanti nella tecnologia integrata con il nuovo stadio. Il club londinese ha lavorato in partnership con la società olandese SGL, specializzata in questo tipo di lampade illuminanti specifiche. Inoltre, ci si è avvalsi del supporto di SCX, azienda di Sheffield che lavora sui sistemi di movimento idraulico (già intervenuti, per esempio, nella strutture del tetto retrattile del campo centrale di Wimbledon), e Hewitt Sportsturf, azienda inglese dedicata alla realizzazione e manutenzione dei campi da gioco in erba naturale.

I tecnici hanno progettato un sistema automatizzato, custodito sotto la gradinata Nord, che viene issato con un sistema idraulico e fatto scorrere sul terreno di gioco lungo i binari laterali al campo (già utilizzati per sostituire il terreno di gioco quando lo stadio passa dal calcio al football americano). Il processo di movimentazione dei tralicci, completamente automatico, non esclude il tradizionale lavoro dei giardinieri ma elimina l’inutile calpestìo dell’erba durante le operazioni manuali di spostamento.

All’interno dei tralicci, inoltre, è installato un sistema integrato di irrigazione e un sistema di analisi dello stato e delle condizioni dell’erba. Il monitoraggio viene gestito direttamente da SGL, ed è continuo 24 ore su 24 / 7 giorni su 7. L’intera struttura pesa 120 tonnellate e dispone di 864 lampade illuminanti, che coprono una superficie complessiva di 7.500 m².

In questo modo, il controllo sulla crescita e sullo stato dell’erba del nuovo stadio del Tottenham è continuo e di un livello più elevato rispetto agli altri stadi contemporanei, oltre a garantire il rilevamento e l’eliminazione immediata di qualunque difetto.

 © Riproduzione Riservata
Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva, fondata a gennaio 2015.

No comments

LEAVE A COMMENT