Rivista online di architettura sportiva
 

Tifosi | Atalanta, trasferta a Manchester

Il reportage della trasferta europea per Manchester City-Atalanta.

(dal nostro inviato nel settore ospiti, Ottorino Tentorio)

Ancora una trasferta inglese per l’Euro-Atalanta di Gasperini, anche se, dopo l’incredibile 1-5 del 2017 nello storico Goodison Park di Liverpool, i nerazzurri rimediano il punteggio esattamente opposto nel moderno Etihad Stadium di Manchester.

Già dalle prime ore del mattino l’invasione pacifica di 2.700 tifosi bergamaschi colora le vie del centro città. Due passi su e giù per Market Street e, ovviamente, qualche pinta nei numerosi pub del Northern Quarter, oppure in Shambles Square. A poca distanza ci sono la Cattedrale e il National Football Museum, a cui gli appassionati di calcio, soprattutto britannico, non possono far mancare una visita.

manchester city atalanta
(photo Ottorino Tentorio)

In serata, da Piccadilly Gardens, in 12 minuti di tram, arriviamo all’Etihad Stadium, ex City of Manchester Stadium. Realizzato nel 2002 per i Giochi del Commonwealth, e convertito poco dopo a stadio esclusivamente per il calcio, ha avuto (e continua ad avere) l’arduo compito di portare avanti il testimone dello storico Maine Road, la casa dei Citizens dal 1923 al 2003.

Su pianta ovale, si sviluppa in altezza su tre anelli, a eccezione della North Stand che mantiene una struttura a due livelli. Il profilo è sinuoso ed elegante, anche se la modifica alla copertura della South Stand, resa necessaria dopo il recente inserimento del terzo anello, ne va a sporcare in parte l’armonia complessiva. Otto torri esterne (in stile San Siro) garantiscono l’accesso al terzo anello.

La capienza attuale è arrivata a 55mila posti, anche se i “tutto esaurito” si registrano ancora poche volte, nonostante il gioco spettacolare e i risultati della squadra di Guardiola, e anche in questa serata di Champions l’affluenza non supera i 50mila. E il fascino di Old Trafford è certamente un’altra cosa…

etihad stadium manchester city
(Photo by PAUL ELLIS/AFP via Getty Images)

Manchester, in generale, si conferma una città viva, dove c’è un forte dinamismo urbano: interi isolati in ricostruzione e in contrasto con le parti vecchie del centro, raccontano di una continua e importante evoluzione. Tutto è racchiuso in pochi isolati, e alcuni scorci meritano di essere visitati, senza dimenticare la possibilità di godersi una buona pinta di birra nei pub della zona (alcuni per veri intenditori).

C’è un carattere di fondo molto britannico qui, bisogna riuscire ad apprezzarlo, ma ne vale la pena!

© Riproduzione Riservata
No comments

LEAVE A COMMENT