Super Bowl 50, i numeri del Levi’s Stadium

Dati e statistiche per lo stadio di San Francisco.

Inizia il conto alla rovescia verso l’ultimo atto del Super Bowl NFL, che il 7 febbraio 2016 vedrà di fronte Carolina Panthers e Denver Broncos, in quella che sarà anche la 50esima edizione della storia. Il nuovo stadio dei San Francisco 49ers, il Levi’s Stadium, farà da sfondo allo spettacolo sportivo e mediatico più importante degli Stati Uniti.

La scelta dell’impianto era stata fatta nel 2013, curiosamente ancor prima che lo stadio fosse terminato: i lavori, infatti, durati circa due anni, erano terminati solo nel luglio 2014, con la seguente inaugurazione. Per l’area di San Francisco Bay è il primo Super Bowl dal 1985 (edizione XIX) ed è anche un richiamo alla prima edizione in assoluto, disputata il 15 gennaio 1967 al Los Angeles Memorial Coliseum, sempre nello stato della California.

levi-stadium-san-francisco
(Photo by Ezra Shaw/Getty Images)

Progettato dallo studio HNTB, e in particolare dall’architetto Fernando Vazquez, questo edificio è un gigante che non fa mistero delle dimensioni dei suoi spazi e degli elementi strutturali.

Architettura
  • periodo di costruzione: aprile 2012 – luglio 2014
  • inaugurazione: 17 luglio 2014
  • 220 milioni $, i soldi versati dallo sponsor Levi’s per dare il proprio nome all’impianto, per i prossimi 20 anni. Contratto prolungabile di ulteriori 5 anni per altri 75 mln $
  • 172.000 mq, la superficie totale occupata dallo stadio
  • 68.500 posti
  • 75.000 posti per il Super Bowl
  • 165, il numero dei box “luxury” attrezzati con tablet e schermi tv
  • 2 piazze aperte per i tifosi, ciascuna da 1.600 mq
  • 1.900 mq, invece, è la superficie coperta dal museo dei San Francisco 49ers: 11 sale espositive, aperto tutta la settimana (15$ biglietto adulti – 10$ biglietto ridotto)
  • 90 minuti è la durata del tour guidato all’interno dello stadio, stessi orari di apertura del museo
  • 61m x 15m, le dimensioni dei due maxi-schermi all’interno dell’impianto
  • 24mila, i parcheggi auto presenti all’esterno dello stadio
Tecnologia
  • 40 Gb/sec, la velocità di connessione internet assicurata dal sistema dell’impianto
  • 640 km di cavi per i collegamenti internet all’interno dell’impianto, 112 km solo per il sistema wi-fi
  • 1.500 punti d’accesso Wi-Fi permetteranno il collegamento a circa 60mila tifosi
  • 1, l’app mobile ufficiale dello stadio che permette ai tifosi di ordinare cibo e bevande direttamente dal proprio posto (e riceverli in 20 minuti), guardare highlights e replay, registrare la posizione di parcheggio della propria auto, ricevere indicazioni in tempo reale sulle code alla toilette, comprare biglietti per le partite o prenotare in anticipo il parcheggio
levi-stadium-san-francisco
(Photo by Thearon W. Henderson/Getty Images)
Sostenibilità
  • 1.900 mq: la superficie totale dei pannelli solari presenti nella struttura, che da soli producono abbastanza energia per l’intero fabbisogno dell’impianto per 10 partite (in foto a fondo articolo, uno dei ponti esterni di collegamento per il pubblico, anch’essi “foderati” interamente con pannelli solari)
  • 50%, il risparmio di acqua per l’irrigazione del terreno di gioco, grazie al tipo di erba ibrida “Bermuda Bandera” scelta per il campo. Inoltre, lo stadio è stato costruito in modo da immagazzinare l’acqua e riciclarla per gli usi interni dell’impianto
  • 2.500 mq, la superficie totale della copertura “verde” presente sopra la tribuna sud-ovest (foto), ricoperta completamente di vegetazione, con la presenza di 40 specie locali diverse di piante e fiori. Inoltre, il legno impiegato per gli elementi strutturali è totalmente di recupero, proveniente da un vecchio hangar locale in disuso.
Super Bowl 50
  • 71.088, gli spettatori presenti allo stadio per la partita
  • 5 milioni di dollari, la cifra base decisa dalla CBS per 30 secondi di spot pubblicitario durante l’evento
  • 36, le telecamere ad alta risoluzione disposte lungo tutto il bordo superiore dello stadio che, combinate, hanno permesso la realizzazione di immagini a 360° e di riprese “effetto proiettile” (una scena al rallentatore con l’inquadratura che ruota interamente sul soggetto)
  • 10-24, il punteggio finale che ha regalato la vittoria ai Denver Broncos

(ultimo aggiornamento, 8 febbraio 2016)

Cover image: Photo by Andy Lyons/Getty Images

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva e divulgazione culturale, fondata a gennaio 2015.