📸 La storia di Stamford Bridge in 12 foto

Una fotogallery per vedere quanto è cambiato lo stadio londinese in quasi 150 anni di storia.

Da quando, nel 1877, Stamford Bridge nacque come impianto polisportivo dedicato alla società di atletica London Athletic Club, la sua storia è stata un esempio di quanto lo sport (e successivamente il calcio) inglese si siano continuamente adeguati allo scorrere del tempo e alle trasformazioni sociali e tecnologiche.

Con l’arrivo del Chelsea nel 1905 come squadra di casa, Stamford Bridge è diventato prima esempio del vecchio british football, con le sue gradinate terraces scomode ma estremamente peculiari, poi luogo fra i più emblematici di una certa cultura del tifo e del modo di vivere lo stadio (l’epoca degli hooligans, e il gruppo degli Headhunters nello specifico), fino a essere simbolo di avanguardia nella trasformazione del calcio inglese, con il restyling degli anni ’90 e il concetto di stadio-business immaginato dall’allora proprietario Ken Bates.

Oggi Stamford Bridge è allo stesso tempo uno degli stadi meno “vistosi” della Premier League ma anche uno dei più belli (nel senso letterale del termine) per capire com’è il calcio inglese e come viene vissuto e veicolato attraverso i suoi stadi. In questa fotogallery ripercorriamo la storia di Stamford Bridge e i suoi cambiamenti.

» la mappa dei settori e degli accessi per Stamford Bridge, la trovi qui

stamford bridge storia chelsea storia aerea
(photo by Sir Norman Lockyer via Wikimedia Commons)

Vista aerea di Stamford Bridge, da un pallone aerostatico, nel 1909.


stamford bridge storia chelsea 1913
(photo by Topical Press Agency/Hulton/Getty Images via The Guardian)

Nel 1904 venne offerta al Fulham la possibilità di trasferirsi a Stamford Bridge ma il club rifiutò categoricamente. Il proprietario del terreno, Gus Mears, decise allora di fondare lui stesso un club, il Chelsea (1905). Qui in foto, il 6 settembre 1913, una parte dei 65mila tifosi accorsi per Chelsea-Tottenham.


stamford bridge storia chelsea 1920 fa cup
(photo by Alfred Hind Robinson/Getty Images via The Guardian)

Una delle più famose panoramiche di Stamford Bridge, il 24 aprile 1920, in occasione della finale di FA Cup fra Aston Villa e Huddersfield, davanti a 50.018 spettatori. Stamford Bridge ospitò tre finali consecutive di Coppa d’Inghilterra, fra il 1920 e il 1922.


stamford bridge storia chelsea east stand 70s
(photo by PA via The Guardian)

La fase di costruzione della tribuna East Stand negli anni ’70. All’epoca era considerato l’intervento più ambizioso mai fatto in uno stadio inglese, ma i costi salirono ben oltre quanto preventivato e il Chelsea rischiò di andare in bancarotta, con debiti a 4 milioni di sterline (oggi sarebbero circa 50-60 milioni di sterline).


stamford bridge storia chelsea north stand 80s

La vecchia gradinata nord, circa anni ’80.


stamford bridge storia chelsea old shed 80s

La vecchia Shed End, gradinata sud di Stamford Bridge, circa anni ’80.


stamford bridge storia chelsea panoramica anni 80
(photo by Getty / Chelsea FC via Daily Mail)

Panoramica interna di Stamford Bridge a metà anni ’80. Dopo i tanti adeguamenti nel corso del Novecento, lo stadio del Chelsea arrivò a essere un bizzarro collage di settori più o meno grandi, prima della totale trasformazione che arriverà negli anni ’90.


stamford bridge storia chelsea rifacimento tribuna ovest anni 90
(photo by Jim Tuite via Groundtastic)

Il rifacimento della tribuna ovest di Stamford Bridge, nel 1997, curiosamente durante l’organizzazione di una partita dei London Monarchs, per la World League of American Football (football americano).


stamford bridge storia chelsea restyling 90s

Fasi di gioco di una partita del Chelsea, durante i lavori di trasformazione di Stamford Bridge a metà anni ’90.


stamford bridge mappa stadio ingresso
Scorcio esterno verso Stamford Bridge, stadio di casa del Chelsea, a Londra (Photo by Alex Pantling/Getty Images)

Vista esterna di Stamford Bridge, con l’edificio dell’hotel che domina la tribuna ovest. Inserire un albergo e spazi hospitality fu una delle idee rivoluzionarie del proprietario del club, Ken Bates, all’inizio degli anni ’90, che con estrema lungimiranza guidò la trasformazione dell’impianto, capendo in anticipo che gli stadi di calcio erano destinati a diventare luoghi di sport, comfort e business, e tracciando una linea netta rispetto al passato.


stamford bridge panoramica interna
Panoramica interna di Stamford Bridge, stadio del Chelsea (Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

Panoramica interna di Stamford Bridge, oggi.


chelsea stamford bridge
Vista aerea sullo stadio Stamford Bridge, e su una parte di Londra (photo by Jason Hawkes)

Vista aerea di Stamford Bridge, oggi. Negli ultimi tempi il Chelsea sta tentando di portare avanti un ambizioso progetto di trasformazione dell’impianto (ne parliamo in questo approfondimento).

» Stamford Bridge è qui, su Google Maps

» la mappa dei settori e degli accessi per Stamford Bridge, la trovi qui

© Riproduzione Riservata
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva e divulgazione culturale, fondata a gennaio 2015.