a
Rivista online di architettura sportiva
 

Sicurezza negli stadi: nuove norme con il decreto-steward

Nuovi obblighi per le società e una migliore organizzazione degli steward.

Con l’inizio della stagione agonistica 2019/2020 arrivano, finalmente, importanti novità sulla gestione della sicurezza negli stadi italiani. Con il decreto ministeriale del 13 agosto in materia di “Organizzazione e servizio degli steward negli impianti sportivi” (e pubblicato il 23 agosto in Gazzetta Ufficiale), vengono sorpassate le norme del 2007 e vengono soprattutto introdotti aggiornamenti e linee guida più specifiche.

Sono oltre 30mila gli steward attivi sul territorio italiano, e seguiti direttamente da A.N.De.S., l’associazione nazionale di riferimento per la formazione e l’organizzazione del loro operato. Con il nuovo decreto la figura del delegato alla sicurezza cambia nome e si chiamerà “Delegato per la gestione dell’evento”, ma continuerà ad avere compiti fondamentali di raccordo e organizzazione della sicurezza in sinergia con club e forza di polizia. Il suo ruolo verrà infatti potenziato anche nel caso di eventi sportivi di livello dilettantistico (sempre stante uno stadio di almeno 7.500 posti di capienza).

Cosa cambia per gli steward?

Per gli steward vengono definiti in modo più stringente i limiti d’età per accedere a ogni ruolo all’interno della filiera della sicurezza e, in particolare, una regolamentazione più specifica per l’iter di formazione, il quale dovrà obbligatoriamente essere concluso prima che lo steward possa iniziare a prendere servizio. Inoltre, per gli aspiranti steward extraeuropei, ci saranno controlli molto più approfonditi sui requisiti di condotta nel passato della persona nel suo paese d’origine.

L’obbligatorietà del libretto formativo dello steward sottolinea l’importanza del percorso di formazione per intraprendere questo ruolo, punto sul quale A.N.De.S. ha sempre insistito molto (il libretto potrà essere esposto pubblicamente all’interno di una tasca trasparente sulla parte frontale del giubbotto). Inoltre, è stato ridotto a 60 giorni il limite temporale per le verifiche della Questura sui requisiti dei nuovi steward, e questo ridurrà i tempi di inserimento sul campo dei nuovi addetti.

Credits:
  • foto di copertina | Antonio Cunazza

© Riproduzione Riservata
Post Tags
Share Post
No comments

LEAVE A COMMENT