a
Rivista online di architettura sportiva
 

No allo stadio in legno del Forest Green (per ora)

La votazione dell’amministrazione locale ha bocciato il progetto dell’Eco Park Stadium.

Dovremo ancora attendere per vedere il primo stadio interamente in legno al mondo. Almeno per ora, visto il voto contrario arrivato dall’amministrazione della città di Stroud, località di circa 13mila abitanti nel Gloucestershire, in Inghilterra. Il progetto del Forest Green Rovers, club che attualmente milita in League Two (quarta divisione del calcio inglese), è ambizioso e innovativo allo stesso tempo: uno stadio da 5mila posti interamente in legno lamellare, disegnato dal celebre studio d’architettura Zaha Hadid.

L’iter burocratico va avanti da oltre tre anni e nella primavera 2016 il club aveva selezionato nove proposte su un totale di 50 progetti arrivati da tutto il mondo. A novembre dello stesso anno, il design di Zaha Hadid era stato scelto come vincente, dando il via alle tappe giuridiche di valutazione e richiesta permessi. L’idea dell’Eco Park arriva direttamente dal proprietario del Forest Green Rovers, Dale Vince, presidente di Ecotricity, società di produzione di energie rinnovabili con sede proprio a Stroud. Lo stadio, che sarebbe completamente eco-sostenibile, dovrebbe costare circa 100 milioni di sterline e coinvolgere un’area di 40 ettari con la realizzazione di:

  • stadio da 5mila posti
  • due campi da gioco laterali
  • due aree parcheggio per auto e bus
  • una pista ciclabile collegata alle strade già esistenti in zona
  • inserimento di 500 nuovi alberi e quasi 2 kilometri di siepi

La bocciatura dell’amministrazione locale, però, è un passo che forse chiude definitivamente le porte al progetto – che avrebbe potuto dare rilancio sportivo al club e creare anche 4mila nuovi posti di lavoro. Dale Vince ha annunciato che ricorrerà in appello contro la decisione (motivata da questioni di rumore, traffico e impatto sul territorio) ma questo vorrebbe dire rimandare ogni novità alla fine del 2020. La questione, comunque, è più complessa di un elenco di eventuali disagi: nel 2015 era stato approvato un piano locale di sviluppo (LDP) dell’area dove non è prevista la costruzione di edifici di grandi proporzioni (come uno stadio) almeno fino al 2031.

Il Forest Green Rovers è il club della cittadina di Nailsworth e attualmente gioca allo stadio The New Lawn. L’ipotesi del nuovo impianto Eco Park porterebbe la squadra a un trasferimento a circa 10 km a ovest, nell’area della località di Eastington, nei pressi dell’uscita 13 dell’autostrada M5.

Credits:
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Post Tags
Share Post
No comments

LEAVE A COMMENT