a
Rivista online di architettura sportiva

Padova, il concept del nuovo stadio

Sorgerà al posto dello Stadio Euganeo e trarrà ispirazione dalla città e dallo storico “Appiani”.

A Padova si continua a lavorare sull’idea del nuovo stadio e, in questo inizio di 2019, è stato presentato il concept firmato da Progetto CMR e Sportium. Per un investimento vicino ai 100 milioni di euro, e tempistiche di tre anni dall’inizio dei lavori, il progetto prevede l’intera riqualificazione dell’attuale area dove sorge lo Stadio Euganeo, con la costruzione del nuovo impianto al posto dell’esistente (datato 1994).

Il nuovo stadio si propone come una struttura moderna, in linea con gli standard UEFA più elevati in termini di funzionalità e sicurezza, e una capienza di 16.500 posti. Inoltre, l’edificio andrebbe a celebrare la memoria dello storico Stadio Appiani, replicandone lo stile e l’impatto delle gradinate a ridosso del campo da gioco. La pista d’atletica verrebbe rimossa e la pendenza delle gradinate garantirebbe un’ottima visuale da qualunque settore del nuovo stadio.

I sottili pilastri di sostegno della copertura andrebbero a creare un porticato esterno di accesso all’impianto (in riferimento ai classici portici cittadini) impostando un effetto schermatura molto gradevole ma, allo stesso tempo, lasciando gli spazi aperti e liberi al flusso delle persone. I pannelli fotovoltaici sul tetto garantirebbero l’efficienza energetica della struttura, nella quale verrebbero inseriti il Museo del Padova Calcio, il negozio ufficiale del club e un ristorante.

Il piazzale esterno pedonale diventerebbe elemento di raccordo e integrazione fondamentale con l’area, dove sorgerebbero anche una cittadella dello sport e un parco commerciale (pensati con forme più sinuose in riferimento all’elemento dell’acqua, che caratterizza fortemente la città). L’area, per un totale di 43 ettari, verrebbe concessa dal Comune a titolo gratuito e l’iter di progettazione potrà avere il via libera dopo le valutazioni di fattibilità entro l’estate 2019.

Credits:
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Post Tags
Share Post
No comments

LEAVE A COMMENT