L’Assessore alla Mobilità di Napoli vuole proporre una Standing Area allo Stadio Maradona

Una proposta che garantirebbe legalità in curva e porterebbe finalmente il tema dei “posti in piedi” anche in Italia.

Forse si parla finalmente di Standing Area anche in Italia? Edoardo Cosenza, Assessore alla Mobilità del Comune di Napoli, lo ha proposto come una soluzione che potrebbe garantire la legalità in curva allo Stadio Diego Maradona, superando la questione dello “stare seduti” (limitazione che in curva non viene comunque rispettata, per evidenti motivi, e rischia di essere controproducente per la sicurezza delle persone) e dando la giusta libertà ai tifosi nel rispetto delle regole.

Intervenuto a Radio Marte, nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete”, l’assessore Cosenza ha detto: «Attualmente se non si sta seduti al proprio posto si commette un’illegalità, a prescindere da tutto. Ecco perché servirebbe trovare una soluzione strutturale e univoca, come per esempio un settore Standing Area senza numerazione. Napoli potrebbe diventare un esempio-pilota in questo, anche se ovviamente servirà studiare la soluzione di concerto con la società e la Questura».

Quella dell’assessore Cosenza per il momento è solo un’idea, circoscritta peraltro alla situazione di Napoli, ma è comunque una prima idea positiva che potrebbe permettere di aprire finalmente il dibattito anche in Italia. Il tema dei “posti in piedi” è da tempo molto sentito nel resto d’Europa, con la tradizione ormai consolidata della Germania e di altre Nazioni del centro-nord del continente, e sta finalmente tornando attuale anche nel Regno Unito, dopo anni di immobilismo legati al post-1990 superati recentemente dall’apertura alla sperimentazione della tecnologia Rail Seats per i club di Premier League (qui vi spieghiamo come funzionano).

© Riproduzione Riservata
Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva e divulgazione culturale, fondata a gennaio 2015.