a
Rivista online di architettura sportiva
 

Monza, il Brianteo fa i primi passi verso il futuro

Aumento della capienza e primi lavori di adeguamento per lo stadio del Monza Calcio, in vista della Serie B.

Si inizia a intravedere un futuro positivo per lo Stadio Brianteo di Monza. Con il ritorno in Serie C del club e l’arrivo di Fininvest nella proprietà (con Silvio Berlusconi e Adriano Galliani capofila), è tornato l’entusiasmo intorno al club brianzolo e i primi frutti si vedono anche sul fronte dello stadio. Il Brianteo, storico impianto lasciato a sé stesso negli ultimi anni, è al centro di importanti idee di rinnovamento che vengono portate avanti in parallelo ai buoni risultati ottenuti sul campo dal Monza, attualmente in corsa per i playoff promozione e il ritorno in Serie B.

La capienza dello stadio è risalita a 7.499 posti – e sarà già sfruttabile dal turno di campionato del 14 aprile contro il Rimini – dopo che per troppi anni il Brianteo era rimasto con interi settori chiusi e cinquemila posti scarsi agibili sui quasi 19mila totali. L’impegno della proprietà, con un investimento già ora vicino ai 2 milioni di euro, ha permesso di ammodernare gli spogliatoi delle squadre, rimettere in funzione l’impianto di riscaldamento e rifare l’illuminazione adeguandola agli standard degli stadi di Serie A.

Con il progetto guidato dall’ex dirigente Milan, e ora direttore generale del Monza, Daniela Gozzi, il club ha anche in programma di ripristinare gli ascensori della tribuna centrale (storico punto interrogativo dello stadio fin dalla sua inaugurazione) e di creare degli skybox a bordocampo per sponsor e autorità. Ultima, ma non meno importante, la tribuna Distinti. Per il momento il settore rimane chiuso ma, in vista di una possibile promozione in Serie B, verrà messo al centro di una successiva fase di intervento di grande importanza.

© Riproduzione Riservata
Post Tags
Share Post
No comments

LEAVE A COMMENT