Il Montpellier ha finalmente deciso dove costruire il suo nuovo stadio

Sarà pronto nel 2024, per il 50esimo anniversario del club.

Il Montpellier ha confermato ufficialmente che realizzerà il suo nuovo stadio nella periferia meridionale della città, nell’area di Ode à la Mer, nel comune di Pérols. Avrà una capienza di 25mila spettatori e sarà pronto entro la fine del 2024, come ultimo tassello dei festeggiamenti per il 50esimo anniversario dalla fondazione del club (1974)*.

Lo stadio sarà intitolato a Louis Nicollin, storico e vulcanico proprietario del club per oltre trent’anni, scomparso improvvisamente nel 2017. Sotto la sua guida, il Montpellier era cresciuto costantemente fino ad arrivare all’incredibile vittoria del campionato di Ligue 1, nel 2012.

montpellier nuovo stadio
Mappa di confronto fra la posizione dell’attuale stadio del Montpellier, e l’area in cui verrà costruito il nuovo impianto (photo by StadiumDB.com)

Il costo del progetto dello stadio dovrebbe raggiungere i 180 milioni di euro e sarà finanziato al 100% privatamente, sia dal Groupe Nicollin (che detiene il club) sia da altri partner e sponsor locali. L’area del nuovo impianto si completerà anche di aree per la realtà virtuale e gli eSports, strutture di medicina sportiva e spazi per uffici, oltre a un hotel, ristoranti, un asilo nido, il negozio ufficiale e il Museo del club.

Un lungo percorso verso il nuovo stadio del Montpellier

L’ambizione del Montpellier è ovviamente che lo stadio diventi un punto di attrazione turistica per tutto l’anno, anche grazie a una migliore accessibilità e mobilità, nuove aree parcheggi e una fermata del tram cittadino dedicata. Inoltre, la posizione scelta per la costruzione dello stadio vanta una vicinanza sia all’autostrada, sia all’aeroporto che alla stazione ferroviaria (con il passaggio del TGV), e questo potrebbe favorire di molto l’afflusso di visitatori.

Leggi anche: Profili | Allianz Riviera, Nizza

Il figlio di Louis Nicollin, Laurent, succeduto al padre come presidente del club, ha dichiarato che l’ufficializzazione del progetto rappresenta «un giorno importante, e lo sarà ancor di più quello della posa della prima pietra. Faremo di tutto per portare a termine questo progetto, perché senza questo rischiamo di scomparire».

Il Montpellier aveva svelato i piani per un nuovo stadio per la prima volta nel luglio 2018 e, da allora, il club si è messo alla ricerca di un’area adatta nel perimetro urbano della città. Nel luglio 2019, Philippe Saurel, all’epoca sindaco di Montpellier, aveva annunciato che l’iter burocratico sarebbe stato posticipato di almeno un anno, a causa delle difficoltà di far convergere tutte le scelte e le idee sull’area del quartiere ZAC Cambacérès, scelto inizialmente dal club ma successivamente abbandonato a causa dell’obbligo di integrare il progetto con la costruzione di almeno 3mila abitazioni che garantissero la fattibilità finanziare complessiva (attualmente il quartiere è invece coinvolto da un intervento rigenerazione urbana a destinazione commerciale e d’innovazione). Da lì, il Montpellier si era quindi mosso virando le sue attenzioni sulla zona lungomare di Ode à la Mer.

montpellier stadio
Una vista aerea dell’attuale stadio del Montpellier, lo Stade de la Mosson.
montpellier stadio
Una panoramica interna dello stadio De La Mosson di Montpellier (Photo by ANNE-CHRISTINE POUJOULAT/AFP/GettyImages)

Il Montpellier, attualmente in Ligue 1, il massimo livello del calcio francese, gioca le sue partite casalinghe allo Stade de la Mosson, situato in un’area a nord-ovest della città, e con una capienza di quasi 33mila posti. Inaugurato nel 1972, lo stadio ha subìto un intervento di ammodernamento nel 1997, in vista dei Mondiali di France 98 quando ospitò ben 6 gare (fra cui Italia v Camerun 3-0). All’inizio degli anni Dieci il club aveva pensato a un progetto di restyling dell’impianto, in particolare con la copertura della grande tribuna centrale, ma l’aveva successivamente abbandonato.

Leggi anche: Populous firmerà il restyling dello stadio di Strasburgo

(*) L’originale club calcistico del Montpellier, in realtà, fu fondato nel 1919 come Stade Olympique Montpelliérain. Dopo essere finito fra i dilettanti, a fine anni ’60, e aver tentato alcune fusioni con altri club della zona per evitare la bancarotta, il Montpellier si unì alla società sportiva all’epoca gestita da Louis Nicollin, acquisendone i calciatori e scongiurando il rischio della scomparsa definitiva. Dal 1974, il club così rifondato rientrò un passo alla volta ai livelli più alti del calcio professionistico francese.

Cover image: Una vista interna sulla grande tribuna centrale scoperta dello Stade de la Mosson di Montpellier (Photo by Maja Hitij/Getty Images)

© Riproduzione Riservata
Post Tags
Share Post
Written by

Fondatore e curatore dei contenuti di Archistadia, scrive di architettura sportiva ed è un fotografo. Laureato in Architettura e Restauro, da oltre dieci anni si occupa di divulgazione sui temi tecnici ed estetici collegati a stadi e impianti sportivi. Cresciuto con la musica Britpop, il calcio inglese e la cultura anni Novanta.