Mondiali 2026: vince la candidatura USA+Messico+Canada

mondiali 2026 nord america usa canada messico

Il Nord America si è aggiudicato i Mondiali di calcio 2026, battuto il Marocco



Alla vigilia di Russia 2018 è arrivato il verdetto per l’assegnazione dei Mondiali 2026. Ha vinto la proposta nordamericana: i Mondiali di calcio si giocheranno fra Stati Uniti, Messico e Canada.


Battuta, alla prima votazione, la candidatura del Marocco. Il Nord America ha ottenuto 134 voti e il Marocco 65, con un solo astenuto.


La proposta nordamericana, ribattezzata “United 2026”, prevede una rosa provvisoria di 23 località, da cui verrà fatta la scelta definitiva delle 16 città ospitanti (per un torneo che sarà a 48 squadre).


Questa l’attuale lista delle 23 città in corsa.


Canada
Edmonton
Montreal
Toronto


Messico
Città del Messico
Guadalajara
Monterrey


USA
Atlanta
Baltimora
Boston
Cincinnati
Dallas
Denver
Houston
Kansas City
Los Angeles
Miami
Nashville
New York
Orlando
Philadelphia
San Francisco
Seattle
Washington DC


mondiali 2026 nord america usa canada messico





*
Ti è piaciuto questo articolo?
Sempre più persone apprezzano Archistadia e i suoi contenuti. La lettura di questo sito web sarà sempre gratuita e accessibile a tutti ma Archistadia ha dei costi. Dietro ogni articolo c’è un importante impegno di tempo, lavoro e dedizione.
Se vuoi che Archistadia continui a essere un sito di approfondimento di qualità aperto a tutti, contribuisci con una donazione. Anche con 1 €, qualunque sia il tuo contributo aiuterai questo progetto a continuare e a migliorare costantemente. Grazie!


Sostieni Archistadia

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il nome dell’autore e del blog, e il link all’articolo originale.

Print Friendly, PDF & Email
Post Tags
Share Post
Written by

Fondatore e direttore di Archistadia. Sono un autore e critico di architettura sportiva e mi occupo di divulgazione sul tema da oltre dieci anni. Ogni tanto scrivo anche di stile, cultura e aspetti grafici legati al calcio e allo sport. Cresciuto con la cultura Britpop anni Novanta, sono quello che in vacanza vi chiederà di andare a vedere lo stadio.

No comments

LEAVE A COMMENT