Un nuovo stadio nello Yucatán entro il 2023, sarà “il migliore del Messico”

Ospiterà le squadre locali di calcio e baseball, eventi extra-sportivi e concerti.

A Mérida, nello stato dello Yucatán, sarà costruito un nuovo stadio polifunzionale entro il 2023, su progetto della società americana Populous. Già definito “il miglior stadio del Messico”, rappresenterà una svolta architettonica del tutto nuova nel panorama del Paese (che nel 2026 ospiterà i Mondiali di calcio in candidatura congiunta con Stati Uniti e Canada).

L’impianto ospiterà le due squadre locali di calcio e baseball: i Leones de Yucatán, che militano nella Liga Mexicana de Béisbol e attualmente giocano le loro partite interne all’Estadio De Béisbol Kukulkán, e i Venados Fútbol Club (ex Atlético Yucatán), inseriti nella Liga de Expansión MX e di casa all’Estadio Carlos Iturralde (15mila posti).

messico-nuovo-stadio-yucatan
(visual by Archistadia)

Il nuovo stadio di Mérida avrà una capienza variabile fra i 23mila posti (per il baseball), i 27mila posti (per il calcio) e i 32mila posti per eventi e concerti. Il costo complessivo dell’intervento si aggirerà attorno ai 100 milioni di dollari e sarà interamente finanziato a livello privato. All’interno dell’edificio troveranno posto anche un centro commerciale, un hotel, ristoranti, un museo e altri servizi per farne un polo di intrattenimento e svago utilizzabile da tutta la cittadinanza in ogni momento.

Il Sustainable Yucatan Stadium (ESY, nome forse poco affascinante che sta per lo Stadio Sostenibile dello Yucatan) sarà a pianta circolare, con una facciata esterna continua rivestita in pannelli solari e modellata sull’estetica artistica dell’età Pre-colombiana, con glifi e soggetti legati al gioco della palla nella civiltà Maya. L’obiettivo è anche far diventare l’impianto il primo stadio certificato LEED Platinum in Messico (il più alto livello di certificazione di eco-sostenibilità a livello mondiale, per gli edifici).

L’adattabilità dello stadio alle due diverse configurazioni baseball/calcio sarà garantita da un sistema di settori di gradinata mobili e retrattili che, nelle previsioni, dovrebbero poter essere spostati verso un punto dello stadio (nel caso della situazione con il diamante del campo da baseball) oppure rimessi in posizione tradizionale lungo tutto il perimetro (nel caso del calcio).

Non è ancora chiaro, invece, il piano di intervento per gli attuali due impianti della città di Mérida, inseriti nel complesso sportivo del Parque Kukulcan, il cui futuro rimane per il momento indefinito dal punto di vista del riuso.

© Riproduzione Riservata
Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva e divulgazione culturale, fondata a gennaio 2015.

No comments

LEAVE A COMMENT