Il Maracanã in gestione congiunta Flamengo-Fluminense (almeno per ora)

I due club hanno prorogato la gestione (sempre travagliata) dello stadio fino alla primavera 2021.

Il tema della gestione del tempio del calcio brasiliano e mondiale, lo stadio Maracanã, continua a essere portata avanti con una visione a breve termine ma, per il momento, un po’ più chiara che in passato. il duo Flamengo-Fluminense, i due club principali di Rio de Janeiro e inquilini storici dell’impianto, hanno rinnovato il contratto di gestione dello stadio per altri 180 giorni, con la nuova scadenza fissata a fine aprile 2021.

Dai Mondiali 2014 in poi, la già complicata gestione del Maracanã ha assunto contorni ancor più farraginosi, con l’iniziale ruolo della società Odebrecht che nel 2017 aveva preso il controllo dell’impianto con un contratto della durata di 35 anni, salvo poi arrivare a non pagare il canone al Comune per un totale di quasi 6 milioni di euro arretrati.

maracana-stadio
Lo stadio Maracanã di Rio de Janeiro (Photo by Bruna Prado/Getty Images)

Odebrecht SA, società brasiliana con sede a Salvador de Bahia, e coninvolta in varie attività nel campo dell’ingegneria, delle costruzioni, della chimica e dei prodotti petrolchimici, era stata quindi messa da parte (con la sua controllata Maracanã SA, che gestiva direttamente lo stadio), con il Governo locale che aveva annunciato di voler rientrare in gioco in prima persona.

Da qui, un primo accordo con Flamengo e Fluminense era stato raggiunto ad aprile 2019, della durata iniziale di sei mesi, per la gestione sia dello stadio nazionale sia del fratello, la Maracanãzinho Arena, il palazzetto indoor a pianta circolare situato sul lato sud dello stadio. Il contratto di gestione era stato poi rinnovato fino al mese di ottobre 2020 e ora è stato ulteriormente prorogato. Una soluzione che garantisce un minimo di stabilità nella conduzione dello stadio e, soprattutto, offre ulteriore tempo al Governo cittadino per trovare un nuovo partner a cui affidare la gestione a lungo periodo, con un nuovo contratto di 35 anni.

Cover image: Photo by Bruna Prado/Getty Images

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Post Tags
Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva e divulgazione culturale, fondata a gennaio 2015.

No comments

LEAVE A COMMENT