Rivista online di architettura sportiva
 

Il Manchester United ha messo un divano a Old Trafford

Seat of Dreams, i posti firmati dallo sponsor Marriott Hotels.

Per uno dei club calcistici più importanti e ricchi del mondo, con una lista d’attesa per gli abbonamenti equiparabile al numero complessivo delle partite in un paio di stagioni ufficiali, installare dei nuovi posti premium che non possono essere acquistati sembra paradossale.

Sì, perché la novità di Old Trafford sono i “Seat of Dreams”, realizzati in partnership con lo sponsor Marriott Hotels. Un sofà a quattro posti che, a ogni partita, sarà riservato a tifosi scelti semplicemente tramite un sorteggio fra tutti gli abbonati del club.

Manchester United Seat of Dream Marriott
(photo by Marriott Hotels/Manchester United)

Si tratta di un’esperienza unica nel suo genere, che ha debuttato in occasione della sfida di Premier League fra Manchester United e Liverpool, a ottobre 2019. Il divano premium si trova in Tribuna Sud, nei pressi del settore 227 nel secondo anello della gradinata, ed è incastonato in uno spazio rifinito in legno, con una piccola balaustra in vetro frontale. Come parte dell’esperienza, ai fortunati tifosi viene offerto un servizio catering dallo sponsor.

L’iniziativa dei Seat of Dreams è parte del rapporto di sponsorizzazione fra il colosso alberghiero internazionale e il club inglese, terzo al mondo per valutazione economica (circa 3,8 miliardi di dollari). Una replica del divano viaggerà da una nazione all’altra, presenziando a tutti gli eventi dei fan club ufficiali dei Red Devils, mentre al Victoria and Albert Hotel di Manchester, entro l’inizio del 2020, Marriott realizzerà delle nuove suites brandizzate Manchester United.

Manchester United Seat of Dream Marriott
(photo by Marriott Hotels/Manchester United)

© Riproduzione Riservata
Written by

Fondatore e direttore di Archistadia. Sono un autore e critico di architettura sportiva, laureato in Architettura e Restauro al Politecnico di Torino, e mi occupo di stadi e impianti sportivi da oltre dieci anni. Sono cresciuto con la cultura britpop anni Novanta. E sono quello che in vacanza vi chiederà di andare a vedere lo stadio.

No comments

LEAVE A COMMENT