L’idea della Dinamo Zagabria per il nuovo stadio Maksimir

Un nuovo stadio da 34mila posti, sul luogo dello storico impianto in Croazia.

La Dinamo Zagabria ha recentemente annunciato la volontà di costruire un nuovo stadio da 34mila posti che andrebbe a sostituire l’attuale, e storico, Stadion Maksimir, ponendo fine a un lunghissimo periodo di idee e concept mai concretizzati. Il progetto è stimato in un costo di 60 milioni di euro e verrebbe completato in tre anni, portando alla realizzazione di uno stadio su tre livelli di gradinate, completamente chiuso e coperto.

Il nuovo stadio della Dinamo Zagabria avrebbe quindi una capienza simile al Maksimir ma si arricchirebbe di aree hospitality, spazi commerciali e servizi al pubblico, un museo del club e lo shop ufficiale.

dinamo zagabria nuovo stadio maksimir concept vista esterna
Render con vista esterna diurna del concept per il nuovo stadio della Dinamo Zagabria (img by GNK Dinamo Zagreb)

I primi render mostrano l’idea di una pelle squamata, con elementi geometrici intrecciati che avvolgerebbero il nuovo stadio, costruito sul luogo dell’attuale Maksimir e realizzato in una forma compatta, su base rettangolare e involucro esterno continuo lungo tutti i lati dell’edificio.

Dinamo Zagabria, un nuovo stadio dopo il Maksimir

Il nuovo stadio della capitale della Croazia soddisferebbe i requisiti UEFA di Categoria 4, potendo così ospitare tutte le partite internazionali ed europee e sarebbe inoltre perfettamente conforme alle linee guida UEFA e FIFA sull’accessibilità e l’inclusività, con spazi e percorsi adatti a tifosi con disabilità (e un numero di 5 posti dedicati ogni 1000).

Ormai da molti anni la Dinamo Zagabria tenta di strutturare un progetto credibile per la trasformazione o la ricostruzione del suo storico stadio Maksimir, inaugurato nel 1912 e ammodernato soltanto nel corso degli anni ’90 con la costruzione della gradinata nord. Nell’ottica di ospitare gli Europei 2012, poi assegnati a Polonia e Ucraina, si erano affacciati concept che avrebbero voluto completare la forma a ferro di cavallo del Maksimir sul modello del Ferraris di Genova e di Ibrox (Glasgow), ma dopo il 2008 ogni ipotesi fu abbandonata.

Leggi anche: E se il Maksimir fosse diventato come il Ferraris?

dinamo zagabria nuovo stadio maksimir concept panoramica aerea notturna
Render con vista panoramica notturna del concept per il nuovo stadio della Dinamo Zagabria (img by GNK Dinamo Zagreb)
dinamo zagabria nuovo stadio maksimir concept vista esterna
Render con vista esterna notturna del concept per il nuovo stadio della Dinamo Zagabria (img by GNK Dinamo Zagreb)

I piani per questo nuovo stadio sono stati preparati dal famoso architetto croato Otto Barić, in collaborazione con l’azienda Polymachine. La Dinamo Zagabria e la città lavoreranno in totale sinergia per portare avanti il progetto, che sembra stavolta avviato sul serio, e anche a livello economico la partnership fra i due soggetti sarà concreta. Dovrebbero essere inseriti 3mila posti VIP ed essere realizzata una piazza pubblica esterna, riprogettata rispetto all’attuale area circostante lo stadio, limitando il numero di parcheggi auto (il Maksimir attuale è già ben servito dai mezzi pubblici cittadini).

Ogni pannello trapezoidale che comporrà l’involucro esterno sarà retroilluminato in modo da garantire la possibilità di implementare giochi di luce dinamici a piacere, mentre il piano di copertura rimarrà sollevato rispetto all’edificio, per favorire una perfetta ventilazione dall’esterno all’interno dello stadio.

Il Maksimir è lo stadio di casa della Dinamo Zagabria dal 1948, e uno degli stadi storici non solo della Croazia ma dell’intera penisola balcanica. Recentemente è stato gravemente danneggiato da un terremoto nel marzo 2020, e alcune parti dello stadio rimangono ancora interdette al pubblico nel corso di questo 2021.

» lo Stadion Maksimir della Dinamo Zagabria è qui, su Google Maps

© Riproduzione Riservata

Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva e divulgazione culturale, fondata a gennaio 2015.