Video / Un timelapse della costruzione dello stadio di Las Vegas

A che punto siamo dopo 27 mesi di lavoro.

Nel giorno in cui sulla facciata esterna del nuovo stadio di Las Vegas è stata installata l’insegna con il nome dell’impianto, ci si rende conto che il percorso verso il completamento della struttura è ormai alle ultime battute.

Lo stadio, progettato dallo studio internazionale Manica e con una capienza da 65mila posti, da luglio 2020 accoglierà le partite dei Raiders, la franchigia di football americano pronta a trasferirsi in Nevada dopo 25 anni a Oakland.

las-vegas-stadium-costruzione
Lo stadio di Las Vegas in costruzione a dicembre 2018 (Photo by Ethan Miller/Getty Images)

L’insegna recante il nome dello sponsor, con la dicitura “Allegiant Stadium”, è stata posizionata sulla parete vetrata che riveste lo stadio, ed è coronata da un sole nascente il cui peso, da solo, è di quasi 400 kg. Curiosamente, le prime due lettere “AL” creano il soprannome “The Al” per lo stadio, un involontario ma doveroso tributo ad Al Davis, storico allenatore (prima) e proprietario (poi) dei Raiders per oltre trent’anni.

Allegiant Air è una compagnia aerea low cost statunitense, fondata nel 1997 e con sede a Summerlin, località all’interno dei confini metropolitani di Las Vegas. L’accordo per i naming rights dello stadio dei Raiders avrà una durata di 30 anni, a partire dal 2020.

Dopo 27 mesi di lavoro, lo stadio di Las Vegas è vicino a essere completato. La data d’inaugurazione, prevista per il 31 luglio 2020, rimane confermata, e con l’inizio di marzo il tetto è in fase di installazione, come testimoniato anche dal video in timelapse pubblicato dal canale Youtube dei Raiders, e che raccoglie tutte le fasi di cantiere fino a oggi.

© Riproduzione Riservata
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva, fondata a gennaio 2015.

No comments

LEAVE A COMMENT