La lista ufficiale (e definitiva) degli stadi di Euro 2020

E le linee guida per le percentuali di accesso degli spettatori.

Il Comitato Esecutivo UEFA ha finalmente messo la parola fine (ufficiale) ai dubbi sull’elenco di città e stadi ospitanti per Euro 2020, dopo la riunione in videoconferenza di venerdì 23 aprile. La lista delle 12 città è stata modificata, con la sostituzione in particolare di due stadi (Bilbao e Dublino), e la conferma sulle percentuali di capienza utilizzabili per l’ingresso del pubblico in ogni impianto.

Euro 2020, pensato in forma itinerante come celebrazione del 60esimo anniversario dalla prima edizione del torneo, e originariamente previsto per l’estate 2020, aveva già dovuto subire la modifica più grande, venendo posticipato all’estate 2021 causa-pandemia da Covid ma, negli ultimi mesi, le restrizioni locali per contenere la diffusione del virus avevano messo a rischio la volontà dell’Uefa di avere comunque il pubblico sugli spalti, almeno in parte.

uefa euro 2020 stadi
Il trofeo degli Europei di calcio (photo by UEFA / Getty Images)

Leggi anche: Cosa sta succedendo con le città ospitanti per Euro 2020?

La Uefa ha dovuto prendere una decisione finale, anche sofferta, dopo aver sentito il parere dei governi locali di ogni nazione e città coinvolte, nell’ottica della previsione di aprire gli impianti sportivi al pubblico e garantire una certa percentuale di affluenza per le gare del torneo. L’esclusione di Bilbao e Dublino dall’elenco originale è arrivata proprio a causa dell’impossibilità delle rispettive istituzioni locali di garantire un’apertura ai tifosi del San Mamés e dell’Aviva Stadium, mentre Glasgow (la terza sede in bilico fino a qualche settimana fa) è rientrata grazie a una situazione pandemica in miglioramento, e complica una campagna vaccinale al momento efficace nel Regno Unito.

La lista ufficiale (e definitiva) degli stadi di Euro 2020

Le quattro partite inizialmente previste allo stadio San Mamés di Bilbao vengono spostate all’Estadio La Cartuja di Siviglia. A dare la garanzia di ospitare queste partite con i tifosi è stata la Comunità Autonoma dell’Andalusia, che ha confermato la sua intenzione di consentire un riempimento del 30% dello stadio in occasione delle tre gare del Gruppo E e della partita di ottavi di finale. La Cartuja aveva recentemente ospitate le due finali di Coppa del Re a porte chiuse come sede straordinaria scelta dalla Federazione spagnola.

L’altra grande esclusa è la città di Dublino, in Irlanda. L’Aviva Stadium non vedrà passare Euro 2020 sul suo campo, e le tre partite del Gruppo E inizialmente previste qui saranno spostate al Krestovsky Stadium di San Pietroburgo, in Russia, che già era coinvolto per tre sfide del Gruppo B e un quarto di finale. Da Dublino viene tolta anche la gara di ottavi di finale 1D vs 2F, che si giocherà a Wembley, Londra.

stadio la cartuja coppa del re siviglia
Vista interna panoramica dello stadio La Cartuja di Siviglia (photo by Joaquin Corchero / Imago Images)

Euro 2020 si giocherà dall’11 giugno all’11 luglio 2021. La partita inaugurale si giocherà l’11 giugno alle ore 21, allo Stadio Olimpico di Roma (Turchia-Italia) e la finalissima si disputerà l’11 luglio a Wembley.

Leggi anche: EURO 2020: il calendario suddiviso per città

CittàStadioCapienza% apertura
Amsterdam (Olanda)Johan Cruijff ArenA54.990 posti25% (circa 12mila posti)
Baku (Azerbaigian)Olimpico68.70050% (circa 34.350) – no tifosi stranieri, se non della nazionalità delle squadre coinvolte
Bucarest (Romania)Arena Națională55.60025% (circa 13mila)
Budapest (Ungheria)Puskás Aréna67.215100% (con restrizioni e linee guida per l’ingresso)
Copenaghen (Danimarca)Parken38.06525-33% (11.200 come minimo)
Glasgow (Scozia)Hampden Park51.86625% (circa 12mila posti)
Londra (Inghilterra)Wembley90.00025% (circa 22.500 posti), possibilità di aumentare per semifinale e finale
Monaco (Germania)Allianz Arena75.000almeno 14.500 posti
Roma (Italia)Olimpico70.63425% (circa 17.600 posti)
San Pietroburgo (Russia)Krestovsky Stadium68.13450% (circa 34mila posti)
Siviglia (Spagna)La Cartuja60.00030% (circa 18mila posti)

Cover image: Panoramica interna dello stadio di San Pietroburgo (photo by Uefa / AFP / Getty Images)

© Riproduzione Riservata
Post Tags
Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva e divulgazione culturale, fondata a gennaio 2015.