Rivista online di architettura sportiva
 

Euro 2020, città e stadi della fase finale

Il primo Europeo itinerante della storia.

I Campionati Europei 2020 saranno la prima (e unica) edizione itinerante nella storia del torneo, nell’ambito delle celebrazione per i sessant’anni di distanza da Francia 1960, prima volta in cui si disputò la rassegna continentale. Euro 2020 ripeterà il format a 24 squadre visto nel 2016, e si giocherà su 12 città e altrettanti stadi in giro per l’Europa.

La partita inaugurale si giocherà allo Stadio Olimpico di Roma, mentre Bruxelles è stata esclusa dal torneo a causa dei grossi ritardi nella costruzione del nuovo Eurostadium, e sostituita da Wembley (Londra). Lo stadio nazionale inglese, quindi, ospiterà un totale di sette partite nel corso della competizione. Le aspettative e le necessità dei tifosi, secondo la UEFA, sono state tenute in considerazione nell’abbinare le varie Nazionali ai singoli gironi, stilando un calendario della fase finale che terrà conto delle distanze, a volte proibitive, fra ogni città. Ogni “trasferta” non dovrebbe superare le due ore di aereo (escludendo le partite della fase a eliminazione diretta).

Euro 2020 città stadi fase finale
(Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Qui di seguito l’elenco ufficiale delle sedi ospitanti. Per l’Italia è presente lo Stadio Olimpico di Roma, mentre non è stato selezionato nessuno stadio francese vista la vicinanza temporale con l’Europeo organizzato nel 2016.

Tre partite della Fase a Gironi + un Ottavo di Finale
  • Amsterdam ArenAAmsterdam, Olanda (gruppo B)
  • San MamésBilbao, Spagna (gr. E)
  • Eurostadium – Bruxelles, Belgio
  • Arena NaționalăBucarest, Romania (gr. B)
  • Puskás Ferenc StadionBudapest, Ungheria (gr. F)
  • ParkenCopenaghen, Danimarca (gr. C)
  • Aviva StadiumDublino, Repubblica d’Irlanda (gr. E)
  • Hampden ParkGlasgow, Scozia (gr. D)

Tre partite della Fase a Gironi + un Quarto di Finale
  • Olympiya StadionuBaku, Azerbaijan (gruppo A)
  • Allianz ArenaMonaco, Germania (gr. F)
  • STADIO OLIMPICOROMA, ITALIA (gr. A)
  • Saint Petersburg StadionSan Pietroburgo, Russia (gr. C)

Semifinali + Finale
  • WembleyLondra, Inghilterra (gr. D)


Secondo Gianni Infantino, Segretario Generale UEFA all’epoca dell’organizzazione del format, e oggi presidente FIFA, l’idea di un Europeo itinerante parte da una base vincente: «Invece di organizzare una grande festa in un solo Paese, nell’estate 2020 avremo una festa di calcio in tutta Europa. Saranno sessant’anni dalla prima edizione del torneo (1960, ndr) e il fatto di confermare il format a 24 squadre aggiungerà valore all’evento. I criteri di selezione stanno diventando sempre più importanti e rigorosi e per molte Nazioni è sempre più complicato organizzare l’intero torneo. In questo modo, invece, la possibilità di ospitare anche solo una parte dell’Europeo diventa un’occasione eccezionale per tutti, anche per quei Paesi che – a livello economico e infrastrutturale – non potrebbero permettersi la gestione completa dell’evento».

© Riproduzione Riservata
Post Tags
Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva, fondata a gennaio 2015.

No comments

LEAVE A COMMENT