Rivista online di architettura sportiva
 

Europa League: l’Arsenal al fianco dei tifosi, contro la scelta di Baku

Il comunicato ufficiale dell’Arsenal riguardo le limitazioni e le difficoltà imposte ai tifosi per raggiungere Baku.

Il comunicato ufficiale dell’Arsenal, pubblicato sul sito web del club, esprime il forte disaccordo verso la scelta di Baku come sede della finale di Europa League 2018/2019 e il dissenso verso le limitazioni imposte dall’UEFA rispetto al numero di biglietti a disposizione per le due squadre finaliste:

“Tutte le persone associate all’Arsenal sono entusiaste che il club abbia raggiunto la finale di Europa League, e guardano con trepidazione alla sfida contro il Chelsea del prossimo 29 maggio.

“Per contro, però, il club è fortemente dispiaciuto che l’aspetto logistico abbia portato l’UEFA a concedere soltanto 6mila biglietti all’Arsenal, all’interno di uno stadio che ha una capienza superiore ai 60mila posti. E solo nel giorno della partita si potrà capire se almeno questi 6mila tifosi dell’Arsenal saranno riusciti ad arrivare allo stadio, vista l’estrema difficoltà nell’organizzare il viaggio verso questa destinazione.

“Abbiamo 45mila abbonati e, per molti di loro, rinunciare a priori a partecipare a una partita così importante, solo perché la UEFA ha scelto una località quasi inaccessibile, è ingiusto e ingiustificato. La realtà è che qualunque squadra avesse raggiunto la finale si sarebbe trovata nella medesima situazione, impossibilitata a garantire a un buon numero di propri tifosi di andare a vedere la partita.

“Abbiamo ricevuto diverse proteste dai nostri tifosi a proposito di questa situazione, e condividiamo le loro perplessità.

“A nome dei nostri tifosi, vorremmo capire i criteri con cui vengono scelte le sedi delle finali delle coppe europee e, soprattutto, se le necessità di viaggio e trasferimento dei tifosi vengono minimamente tenute in considerazione.

“Sollecitiamo l’UEFA ad assicurarsi che gli aspetti logistici e le necessità di viaggio dei tifosi siano uno degli elementi chiave nella scelta delle sedi per le finali dei prossimi anni, perché ciò che è successo quest’anno è inaccettabile, e non deve ripetersi. Il club sarà sempre a disposizione per partecipare a futuri e costruttivi incontri per evitare che si ripetano situazioni del genere”.

Chelsea-Arsenal sarà la finale di Europa League 2018/2019 e si disputerà allo Stadio Olimpico di Baku, in Azerbaijan, il 29 maggio. Lo stadio ha una capienza di oltre 68mila posti, ma la UEFA ha assegnato soltanto 6mila biglietti ai tifosi dei due club, lasciandone quasi 50mila suddivisi fra tifosi neutrali e delegati vari (sponsor, dirigenti ecc). La UEFA ha giustificato questa decisione con il ridotto numero di voli dall’Europa verso Baku (da Londra c’è un solo volo alla settimana, per esempio) e con la conseguente previsione che, in ogni caso, in pochi avrebbero potuto organizzare il viaggio per assistere alla finale.

clicca qui per leggere il mio approfondimento “Londra-Baku, un viaggio lungo 4mila km”, su FOX Sports

Credits:
  • foto Baku Olympic Stadium | Altkat
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Share Post
Written by

Fondatore e direttore di Archistadia. Sono un autore e critico di architettura sportiva, laureato in Architettura e Restauro al Politecnico di Torino, e mi occupo di stadi e impianti sportivi da oltre dieci anni. Sono cresciuto con la cultura britpop anni Novanta. E sono quello che in vacanza vi chiederà di andare a vedere lo stadio.

No comments

LEAVE A COMMENT