La cultura del Messico sulla terza maglia del Club América

Disegni tradizionali aztechi che richiamano anche la storica maglia della Nazionale ’98.

Pensavamo che il filone di architettura e cultura sulle maglie da calcio si fosse esaurito con l’estate scorsa, e la diffusione di una serie di modelli e kit per un tale numero di squadre come mai prima d’ora. Invece, all’alba del 2021, Nike ha prodotto la terza maglia del Club América, eccentrica e storica allo stesso tempo, che ci riporta anche indietro agli anni ’90 del calcio.

La nuova terza maglia del club messicano, è un evidente tributo alla cultura del Paese e alla sua tradizione. Non solo, è anche un evidente richiamo alla storica maglia che la Nazionale del Messico indossò ai Mondiali di Francia ’98, stravolgendo per sempre il concetto di pattern su un kit di calcio.

club america terza maglia aztechi
La nuova terza maglia del Club América (photo by Club América / Nike)

La maglia creata da Nike per il Club América rappresenta un insieme di disegni e figure tradizionali della cultura azteca, disposte in colore nero su fondo bianco a formare un insieme quasi casuale e mescolato, che crea l’effetto ottico di una trama geometrica unica.

La nuova terza maglia del Club América, dagli Aztechi ai Mondiali 98

La simbologia degli Aztechi faceva parte della cultura stessa di questo popolo, e contribuiva al linguaggio, alla scrittura e al modo in cui venivano rappresentati aspetti di vita materiale e ultra-terrena. Ogni disegno aveva differenti livelli di significato (la farfalla rappresentava una trasformazione, la rana rappresentava un sentimento di gioia), ma messi insieme potevano raccontare una storia o racchiudere una lunga descrizione proprio grazie alle diverse interpretazioni, singole o nel contesto.

Sulla terza maglia del Club América, questi disegni vengono quasi collegati fra loro attraverso i tratti geometrici di contorno, e l’intero pattern che ne scaturisce è chiaramente ispirato alla Piedra del Sol (detta anche pietra di Tenochtitlan, oggi conservata al Museo Nazionale di Antropologia di Città del Messico), che rappresenta il dio del sole Tonatiuh, circondato da uno sviluppo circolare di geometrie e simboli, e che servì da falsariga per la maglia del Messico ai Mondiali di France ’98.

messico maglia 1998
La maglia della Nazionale del Messico, indossata ai Mondiali di Francia ’98.
piedra del sol messico
La Piedra del Sol, conservata al Museo Nazionale di Antropologia di Città del Messico (photo via Wikimedia Commons)

La particolarità della terza maglia del Club América è che anche gli sponsor sono stati declinati in nero, in versione quasi stilizzata, e sembrano uniformarsi bene al resto delle geometrie tradizionali, completando un’immagine univoca e non sporcata da elementi estranei. La nuova maglia fa parte di una più ampia collezione, chiamata “Collezione Aquila 2021”, firmata da Nike e composta da una linea di abbigliamento sportivo che riprende i dettagli grafici su porzioni di tute e t-shirt.

Nel 2008, il Club América aveva una divisa simile – sempre prodotta da Nike – ma indossata solo dal portiere.

Visita la sezione “Maglie” di Archistadia, dove vi parliamo di tutti i nuovi kit che riportano dettagli e pattern riferiti all’architettura e alla cultura locale.

club america terza maglia aztechi
Un dettaglio della nuova terza maglia del Club América (photo by Club América / Nike)
club america terza maglia aztechi
La nuova terza maglia del Club América e la linea d’abbigliamento “Collezione Aquila 2021” (photo by Club América / Nike)
club america terza maglia aztechi ochoa
La nuova terza maglia del Club América, indossata dal portiere Ochoa (photo by Club América / Nike)

© Riproduzione Riservata
Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva e divulgazione culturale, fondata a gennaio 2015.