Brisbane ospiterà le Olimpiadi 2032

La città australiana ha ricevuto 72 voti favorevoli (su 77).

Brisbane è stata confermata ufficialmente dal Comitato Olimpico Internazionale come città ospitante le Olimpiadi 2032. I Giochi della XXXV Olimpiade sono stati assegnati alla città australiana con 72 voti favorevoli, sui 77 totali, ed è ora iniziato il processo di pianificazione per gli impianti sportivi dedicati e l’organizzazione dell’evento.

In particolare, il Brisbane Cricket Ground, denominato The Gabba, sarà coinvolto da un intervento di restyling da 1 miliardo di dollari australiani (poco più di 600 milioni di euro) in vista dei Giochi, e sarà uno degli impianti principali per le gare. Già storicamente utilizzato dal football australiano, dal cricket e da altri eventi sportivi e non, è ben collegata alla rete autostradale ed è in una posizione centrale della città. Inoltre, verrà fornito di una nuova stazione ferroviaria dedicata attualmente in costruzione (Cross River Station).

brisbane stadio olimpiadi
Render di progetto del restyling dello stadio di cricket di Brisbane, e dell’area adiacente, per le Olimpiadi 2032 (img via Brisbane Development)

La visione di Brisbane 2032 si inserisce nelle strategie locali a lungo termine per uno sviluppo sociale ed economico nella regione del Queensland e nel resto dell’Australia.

Oltre agli interventi dedicati allo stadio di cricket, che sarà probabilmente ampliato a 50mila posti e collegato alla nuova stazione ferroviaria tramite una piazza pubblica di nuova costruzione, Brisbane è la prima città ospitante a essere stata scelta secondo il nuovo approccio del CIO rivolto a candidature flessibili ed eco-sostenibili.

L’intenzione del Comitato Olimpico Internazionale, infatti, è quella di lavorare in collaborazione con città, regioni e paesi, per incoraggiare progetti olimpici che utilizzano un’alta percentuale di sedi già esistenti o temporanee, allineandosi a piani di sviluppo a lungo termine già previsti localmente (urbanistici o immobiliari) e che abbiano una forte visione per lo sviluppo dello sport nelle comunità.

Questo approccio permette al CIO di riuscire a pianificare i Giochi Olimpici anche con vent’anni d’anticipo (sul tavolo ci sono già proposte e interessamenti per le edizioni 2036 e 2040) e garantisce meccanismi più leggeri e collaborativi, in grado di garantire un’eredità concreta e sostenibile alle città dopo il termine del mese olimpico.

Leggi anche: Al via i lavori per il nuovo Sydney Football Stadium

Brisbane ospiterà i Giochi Olimpici e Paralimpici 2032 e sarà la terza città dell’Australia a farlo nella storia, dopo Melbourne nel 1956 e Sydney nel 2000.

brisbane cricket ground panoramica interna
Panoramica interna al tramonto del Brisbane Cricket Ground.

© Riproduzione Riservata
Post Tags
Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva e divulgazione culturale, fondata a gennaio 2015.