Il Brighton sta ampliando la capienza del suo stadio

Duemila posti in più all’AMEX Stadium entro il 2022.

Il Brighton sta portando avanti un interessante progetto di ampliamento per il suo stadio, l’AMEX Community Stadium, che potrebbe già completarsi (parzialmente) in occasione dell’avvio della stagione di Premier League 2021/2022. La prospettiva, infatti, è di poter partire con il prossimo campionato con un migliaio di posti in più in tempo per il ritorno del pubblico sugli spalti – ovviamente in linea con le eventuali disposizioni governative causate dallo stato della pandemia.

L’obiettivo complessivo del club è di portare lo stadio dagli attuali 30.700 posti a un totale futuro di 32.500, e il piano di ampliamento è stato adeguato negli ultimi mesi proprio a causa della situazione pandemica, ma anche sfruttando l’opportunità di implementare diversi interventi in uno stadio chiuso al pubblico per così lungo tempo.

Il Brighton lavora per ampliare l’AMEX Stadium

Ad agosto 2021 lo stadio del Brighton avrà già una capienza di 31.800 posti e nei mesi successivi verranno finalizzate altre soluzioni che miglioreranno anche l’accesso del pubblico e l’interazione con i servizi dell’AMEX Stadium nei giorni di partita. Uno degli elementi cardine è la realizzazione di una fan-zone esterna, la creazione di nuovi chioschi e punti ristoro e di servizi igienici esterni, oltre all’installazione di un maxi-schermo sul lato dell’impianto rivolto verso la fermata Falmer della linea ferroviaria adiacente.

Leggi anche: La proposta per la riapertura degli stadi in Premier League

brighton amex stadium vista aerea
Una vista aerea dell’AMEX Stadium di Brighton (photo by Barbara van Cleve – Own work, CC BY-SA 4.0, Wikimedia Commons)

Il proprietario del Brighton, Tony Bloom, conferma dunque l’impegno a 360° nel club e nelle sue strutture e, per quanto riguarda l’area dell’AMEX Stadium verranno migliorati i collegamenti anche con il parcheggio riservato agli autobus e con la strada Village Way che conduce all’impianto da sud-est.

Leggi anche: Numeri e foto del nuovo (bellissimo) centro d’allenamento del Leicester City

Il Falmer Stadium, conosciuto con l’acronimo AMEX in virtù della sponsorizzazione di American Express, è lo stadio del Brighton and Hove Albion dal luglio 2011, ed era stato progettato dallo studio d’architettura londinese KSS. Ultimato dopo tre anni di lavori (e altri tre di iter burocratico), rappresenta un punto finalmente fermo nella storia del club dei “Gabbiani”, che era rimasto in attesa di un proprio stadio dal 1997 (anno di chiusura dello storico Goldstone Ground, stadio del Brighton dal 1902) passando per un interregno al Whitdean Stadium, lo stadio di atletica locale, fra il 1999 e il 2011.

Scopri la vetrina di Archistadia su Amazon.it: i nostri consigli di acquisto per libri a tema di cultura, storia e architettura sportiva, e una selezione di puzzle 3D di stadi internazionali! Clicca qui per visitare la selezione di prodotti e le idee regalo che abbiamo preparato per voi.

Cover image: Un dettaglio di una tribuna dell’AMEX Stadium di Brighton (photo by Mark Kerton / Imago Images)

© Riproduzione Riservata
Share Post
Written by

Archistadia.it è una rivista online di architettura sportiva e divulgazione culturale, fondata a gennaio 2015.