Rivista online di architettura sportiva
 

L’evoluzione contemporanea dell’Aberdeen

L’inaugurazione del centro sportivo e il progetto per un nuovo stadio.

Con oltre 115 anni di storia, e un passato recente segnato dall’affermazione internazionale di Sir Alex Ferguson come allenatore, l’Aberdeen FC è pronto ad accettare l’evoluzione del calcio contemporaneo, e trasformarsi con esso.

Il club scozzese si è affidato allo studio AFL Architects per la revisione e la finalizzazione del progetto del nuovo stadio e, allo stesso tempo, ha inaugurato il nuovo centro sportivo dopo poco più di un anno di lavori. L’obiettivo, ora, è realizzare anche il nuovo stadio nell’area cittadina di Kingsford entro il 2023, e dare una base di eccellenza su cui costruire il futuro del club.

La cittadella sportiva di Cormack Park

Il progetto del centro sportivo dell’Aberdeen non si è limitato a realizzare una struttura per gli allenamenti del club, ma un complesso sportivo dedicato alla comunità e che servirà da chiave di volta per lo sviluppo dell’intera area di Kingsford, situata appena a ovest del perimetro cittadino. Costato 12 milioni di sterline, e completato dopo 13 mesi di lavori, Cormack Park è intitolato a Dave Cormack, maggior azionista e vice-presidente dell’Aberdeen, e una delle figure cruciali dietro il piano di sviluppo strutturale del club.

Aberdeen FC progetto nuovo stadio centro sportivo
(photo by Aberdeen FC)

Inaugurato dallo stesso Sir Alex Ferguson in persona, il centro sportivo è costituito da tre campi da calcio realizzati con 4.500 tonnellate di ghiaia, 9mila di sabbia e 4mila di terriccio specifico. A questi materiali si è aggiunta l’installazione di 4 kilometri di tubi per il drenaggio e di 25 kilometri di tubazioni per il sistema di riscaldamento sotto la superficie dei campi.

L’erba dei campi d’allenamento di Cormack Park è di tipo ibrido, con i fili naturali rafforzati dall’inserimento di un totale di 45mila kilometri di fibre sintetiche (polietilene). Per la messa in opera dei tre campi, e l’intreccio delle fibre, è stata usata una macchina apposita (ne esistono sei esemplari in tutta Europa), con tempi di lavoro di 24 ore a rotazione per una settimana intera. Oltre ai tre campi regolamentari, il campus comprende due campi in erba sintetica e uno in erba naturale, e la residenza per il capo giardiniere.

Il centro sportivo Cormack Park è anche dotato di due spazi, uno esterno e uno al coperto, che saranno messi a disposizione della comunità locale per qualunque evento o iniziativa, sia nell’ambito sportivo che in quello sociale. L’Aberdeen, infatti, opererà nel campus anche tramite la propria organizzazione benefica, l’AFC Community Trust, che si occupa di coinvolgere la comunità in attività sociali, ricreative e di sviluppo sul territorio.

Aberdeen FC progetto nuovo stadio
(photo by Aberdeen FC)

Kingsford Stadium

Oltre al centro sportivo, l’Aberdeen sta portando avanti il progetto del nuovo stadio, che dovrà sostituire lo storico Pittodrie Stadium, inaugurato nel 1899 e casa del club dal 1903. La costruzione di un nuovo stadio non è un passaggio avventato, ma rientra nella “Fase 2” del progetto avviato con la realizzazione di Cormack Park.

Lo stadio, infatti, sarà adiacente al centro d’allenamento appena inaugurato, andando così a costituire la nuova cittadella del club. Una visione ambiziosa per il futuro dell’Aberdeen che costerà complessivamente 55 milioni di sterline e permetterà di strutturare la squadra e la sua organizzazione restando al passo con le richieste che presenta il calcio contemporaneo. Lo stadio avrà una capienza di 20mila posti e il processo di consultazione pubblica e approvazione dell’intero progetto va avanti dal 2016.

Una delle principali ragioni del trasferimento deriva dall’impossibilità di ristrutturare in modo ottimale il Pittodrie Stadium: l’attuale impianto può ospitare 22mila persone ma il potenziale adeguamento agli standard UEFA ne vedrebbe la capienza drasticamente diminuita, oltre a costringere il club a fronteggiare una spesa maggiore di quella per il progetto del nuovo stadio.

Aberdeen FC progetto nuovo stadio
(photo by Aberdeen FC)

Alcuni dettagli:
  • nel nuovo stadio, il club ha previsto l’inserimento della storica facciata in marmo che caratterizza il Pittodrie Stadium, nel blocco fra la South Stand e la Merkland Stand
  • i sei campi d’allenamento realizzati a Cormack Park portano ciascuno il nome di ex leggende del passato dell’Aberdeen, e sono stati scelti da tifosi: Neale Cooper, Joe Harper, Eoin Jess, Jim Leighton, Willie Miller e Teddy Scott
  • l’iter progettuale del nuovo stadio prevede anche la vendita del Pittodrie Stadium per una futura demolizione e una trasformazione a carattere residenziale (vendita, per il momento, non ancora finalizzata)

AFL Architects è uno studio di architettura inglese, recentemente già coinvolto nel progetto del nuovo stadio del Brentford FC, a Londra, e del centro sportivo del Bournemouth, nel sud Inghilterra. Il lavoro in partnership con l’Aberdeen servirà a stabilire le linee guida di gestione economica dell’impianto, per rendere lo stadio una realtà sostenibile e redditizia per il club e la comunità.

© Riproduzione Riservata
Post Tags
Share Post
Written by

Fondatore e direttore di Archistadia. Sono un autore e critico di architettura sportiva, laureato in Architettura e Restauro al Politecnico di Torino, e mi occupo di stadi e impianti sportivi da oltre dieci anni. Sono cresciuto con la cultura britpop anni Novanta. E sono quello che in vacanza vi chiederà di andare a vedere lo stadio.

No comments

LEAVE A COMMENT